Agenda

Novembre 2017, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo
Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni

Vera foto shock di Michael Jackson


Forse siamo tutti diventati una massa di sadici necrofili assetati di sangue, fresco o meno, non fa differenza. Credo che quello che sta accadendo intorno alla morte di Michael Jackson, anzi, intorno al suo cadavere, rappresenti la prova che siamo ormai ben oltre la fase del non ritorno, come si suol dire.
Abbiamo il video dei suoi capelli che prendono fuoco:



La foto delle punture sulle sue gambe...

Le notizie sul corpo sepolto senza il cervello.
Il giallo costruito intorno alle cause della sua morte.
Nel frattempo le vendite dei suoi dischi sono salite alle stelle.
Ovviamente i guadagni non andranno a lui ma a chi continua a sfruttarlo, anche da defunto.
Se fossi stato Michael Jackson, avrei studiato un piano per inscenare una finta morte e mi sarei ritirato ai confini del mondo, per godermi finalmente una vita serena…

Commenti

  1. Ciao Alessandro,
    onestamente questa dei "glutei" di Michael Jackson non mi sembra provocatoria, tantomeno simpatica, ma decisamente offensiva. Persino l'autopsia ha confermato quanto dichiarato da Michael stesso e da diversi dermatologi che lo hanno visitato in passato, cioè che aveva la VITILIGINE "universale", ossia su tutto il corpo. Malattia che progressivamente distrugge il pigmento della pelle sino a lasciarla quasi translucida, solo qualche macchietta più scura a caso e per un uomo di colore come Michael era ancora più devastante, poiché più evidente il contrasto. Su internet esistono diversi siti con foto di molte persone, di colore e non, affette da qs malattia e anch'esse psicologicamente destabilizzate, immaginiamo di averla noi e dover subire il giudizio altrui e gli sguardi interdetti. Non sono mai esistiti sbiancamenti chimici né esistono cure, ma solo dei make up per cercare di uniformare il colore della pelle irrecuperabilmente maculata. Pensa se lo leggessero i suoi figli e chi lo amava veramente e lo rispettava. Leggere questo tipo di commenti dopo un anno dalla sua morte mi fa veramente cadere le braccia. Detesto anch’io il modo in cui parecchie persone, a vario titolo, stanno sfruttando il suo nome, la sua persona, la sua arte e concordo sul fatto che avrebbe dovuto trovare il modo di spassarsela e fare quel che più gli pareva, invece di morire in modo così assurdo! Il medico che lo seguiva e doveva coadiuvarlo per farlo stare in perfetta forma psicofisica è stato accusato omicidio colposo, roba da non credere!! Ma prenderlo proprio per il "sedere" su una cosa così seria, non fa altro che avallare e rafforzare queste speculazioni in essere e che dureranno diversi anni. Sono stati già in numero sufficiente coloro che lo hanno fregato … alle spalle. Una sua foto mentre canta con il "cuore" ad esempio, o volteggia, oppure riceve un award o dona sostanziose porzioni dei propri guadagni, come ha sempre fatto in tutta la sua vita? Mi avrebbe fatto davvero più piacere, avrei visto onorato il genio musicale ed artistico che era e la persona che era. Un titolo altrettanto particolare per attirare l'attenzione si poteva sempre trovare, no?
    Stefania

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, Stefania. Ci rifletterò, grazie.

    RispondiElimina

Posta un commento