Agenda

Sabato 11 Novembre 2017 ore 19, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni, Libreria Teatro Tlon – Via F. Nansen 14, Roma - Ingresso libero. Per info e prenotazioni: libreriateatro@tlon.it - 06 45653446

Influenza a: il vaccino è pericoloso!



English version

Qualche giorno fa ho sentito il Vice Ministro della Salute Ferruccio Fazio affermare con orgoglio che qui in Italia siamo i primi in Europa a distribuire il vaccino contro l’influenza A.
Saremmo pure i primi a partire, ma – come al solito – siamo gli ultimi a sapere dove stiamo andando…
A questo proposito ho fatto una ricerchina in rete sul suddetto vaccino, ovvero il Pandemrix.
Sul sito dell’Emea (European Medicines Evaluation Agency), Agenzia Europea per la valutazione dei medicinali, è possibile consultare liberamente le motivazioni del rilascio del vaccino. In particolare riporto un paio di precisazioni a dir poco preoccupanti:

Perché è stato approvato Pandemrix?
Il CHMP (Comitato per i prodotti medicinali ad uso umano, Emea) ha deciso che, sulla base delle informazioni ottenute con il vaccino prototipo e del cambiamento del ceppo, i benefici di Pandemrix sono superiori ai suoi rischi per la profilassi dell’influenza nella situazione pandemica H1N1 ufficialmente dichiarata. Il comitato ha raccomandato il rilascio dell’autorizzazione all’immissione in commercio per Pandemrix.
Pandemrix è stato autorizzato in “circostanze eccezionali”. Ciò significa che non è stato possibile ottenere informazioni complete sul vaccino pandemico. L’Agenzia europea per i medicinali provvederà a rivedere ogni anno tutte le nuove informazioni disponibili sul medicinale e, se necessario, questa sintesi sarà aggiornata.
Quali informazioni sono ancora attese per Pandemrix?
La ditta che produce Pandemrix raccoglierà informazioni sulla sicurezza e l’efficacia del vaccino e presenterà questi dati al CHMP per una valutazione.

Ricapitoliamo: in circostanze non eccezionali il vaccino, che sta per essere iniettato prima ai bambini, non sarebbe stato autorizzato.
Sul farmaco, che siamo i primi in Europa a distribuire, le istituzioni preposte non hanno informazioni complete.
Le informazioni necessarie per permettere agli esperti di dare un responso esauriente saranno fornite dalla ditta stessa che lo produce.
E qual è questa ditta, a cui stiamo affidando la nostra salute? Si tratta della britannica GlaxoSmithKline, che proprio in Italia, altro record di cui vantarsi, ha aperto la sua prima sede straniera.
La stessa azienda che, a quanto pare, fu contraria alla legge Mandela che consentiva al Sudafrica di importare farmaci anti-AIDS liberi da brevetto e pertanto a minor costo.
La medesima multinazionale accusata di essere tra le imprese che sostengono l'ICBG, un consorzio governativo degli Stati Uniti che conduce ricerche in Messico per appropriarsi del sapere delle popolazioni indigene e delle loro erbe medicinali in modo da mettere le imprese americane in condizione di produrre nuovi farmaci, che naturalmente saranno brevettati.
Esattamente quella ditta che nel 2003 ha visto gli alti vertici della sua consociata italiana inquisiti dalla Procura di Verona per il reato di comparaggio (prescrizione di farmaci di una ditta produttrice in cambio di regali o denaro di quest'ultima a medici del Servizio Sanitario Nazionale).
E noi siamo i primi in Europa a vaccinarsi.
Che culo, eh?

Condividi questo articolo:
Condividi su Facebook

Commenti

  1. Nel post non vedo "le prove".
    IL fatto che il farmaco sia stato autorizzato in "circostanze eccezionali" non significa che non si abbiano le informazioni necessarie per rilasciarlo nè è automatico che "non sarebbe stato rilasciato" in circostanze non eccezionali.

    Il fatto che si attendano "nuove informazioni" non significa che non si abbiano sufficienti informazioni.

    Vengono riportati fatti che dovrebbero screditare la Glaxo, che è una multinazionale e come tutte le aziende ha come obiettivo produrre utili. I fatti riportati confermano questo obiettivo ma nulla aggiungono alle "prove" che il vaccino "non è sicuro".

    E' possibile che non sia sicuro, ma va dimostrato e qui questa dimostrazione non c'è.

    Claudio Caravano
    santiago.ilcannocchiale.it

    RispondiElimina
  2. Ciao Alessandro, indubbiamente ci sono molti punti oscuri su questo vaccino e forse certe teorie complottiste potrebbero non essere del tutto campate per aria.

    Metto un link a questo tuo ottimo post per integrare il mio articolo:

    virus influenza A, complotti mondiali?

    ciao
    Riccardo

    RispondiElimina
  3. Un grazie a Riccardo e una replica a Claudio:
    Primo: Pandemrix è stato autorizzato in “circostanze eccezionali”. Ciò significa che non è stato possibile ottenere informazioni complete. Secondo logica, in circostanze “non eccezionali” sarebbe stato possibile avere informazioni complete.
    Informazioni complete garantiscono un vaccino che possiamo definire sicuro.
    Al contrario, sempre per semplice logica, informazioni incomplete definiscono un vaccino non sicuro, rilasciato esclusivamente perché trattasi di “circostanze eccezionali”, ovvero la pandemia.
    Secondo: si attendono altre informazioni a completamento delle precedenti. E chi le dovrebbe fornire? L’azienda che guadagna dalla vendita del vaccino.
    E’ ovvio quanto banale che tale situazione comporti ulteriore insicurezza sulla validità e la qualità del Pandemrix.
    Questi sono fatti, quindi prove.
    Rileggi con maggiore attenzione: questo non è affatto un post per screditare la Glaxo, semmai l’Emea. E con lei tutta quella stampa che pubblicizza il vaccino, evitando di dare tutte le informazioni che lo riguardano…

    RispondiElimina

Posta un commento