Agenda

Novembre 2017, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo
Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni

30 miliardi di evasione fiscale…



…e 8,2% il tasso di disoccupazione.

English version

Sebbene in cuor mio sapessi, fin da quando ho imparato a leggere, che avrei preso la strada dello scrivere, all’università scelsi di studiare il far di conto.
Ricordando ciò, ho provato a rivedere la settimana appena trascorsa attraverso i numeri, per poter capire ancora meglio come sta il mio paese, sul serio, concretamente.
Senza chiacchiere, perché, come si suol dire, la matematica non è un opinione:

Berlusconi rimarrà in ospedale altre 36 ore.
Il medico personale dichiara che non tornerà al lavoro per almeno 10 giorni.
Notizia importante, non è così? Silvio è la star al centro dei media, il bersaglio primario della rete, l’argomento preferito da tutti, in maniera trasversale, non è vero?

Italia 13/a in Ue per pil procapite.
Tutte le principali economie europee, Germania, Francia, Regno Unito, Olanda e anche Spagna sono sempre sopra l'Italia.
Esultiamo lo stesso: siamo sopra Grecia e Cipro!

Il 50% delle famiglie in affitto soffre: una su due è in ginocchio, poiché i canoni sono cresciuti del 105%.
Ma se l’affittuario soffre, vuol dire che il padrone di casa gode…

L’Istat dichiara che la disoccupazione in Italia sale all'8,2%. Nel terzo trimestre il numero degli occupati è diminuito di 508 mila unità rispetto allo stesso periodo del 2008: si tratta del dato peggiore da aprile 2004.
Tuttavia, noi abbiamo fatto meglio degli altri paesi europei, giusto? Non è quello che dice sempre il governo?!

Ed arriviamo a venerdì 18 dicembre:
Nel 2009 la Guardia di Finanza ha scoperto redditi non dichiarati per 30 miliardi di euro e iva evasa per 5 miliardi: individuati oltre 8 mila evasori.

Ecco, a mio modesto parere, credo che l’Italia di oggi sia tutta qui, in questi numeri.
8mila evasori, 8mila ladri che hanno rubato 30 miliardi allo Stato, cioè a noi e soprattutto a quei disoccupati che sono 508 mila in più rispetto al 2008.
E poi la gente si chiede perché nel paese ci sia tensione.
Forse ha ragione Schifani, è tutta colpa di Facebook

Condividi questo articolo:
Condividi su Facebook

Loving contro Virginia, 5 Gennaio 2010 a Trieste.

Commenti