Forza Italia accordo Stato mafia: lettera a chi vota Berlusconi

English

Storie e Notizie N. 113

La Storia:

Care concittadine e cari concittadini,
questa lettera è per voi.
Voi, che una o più volte avete dato il vostro voto a Silvio Berlusconi.
Premetto subito che questa mia non rappresenta assolutamente un tentativo di convincervi a cambiare idea e votare per l’altra parte.
Primo, perché a mio avviso non esiste l’altra parte, nel senso che non è mai stata altra.
Secondo, non sono affatto qui per convincervi di qualcosa.
Il mio è solo un invito a riflettere.
In questi anni sul conto dell’uomo che avete mandato al governo è uscito di tutto.
Probabilmente tra le accuse peggiori che si possano fare ad un leader di un paese.
Concorso in strage e riciclaggio di denaro sporco, corruzione giudiziaria e tangenti, falso in bilancio e frode fiscale, falsa testimonianza e traffico di droga, la persona che avete reso l’uomo più potente dello Stato non si è fatto mancare nulla.
Eppure, gli avete comunque dato il vostro voto.
Ora, a mio modesto parere, le possibilità sono due.
O siete sicuri che sia innocente e vittima di una tremenda persecuzione oppure ritenete che anche se fosse colpevole di una o tutte le accuse ricevute, Silvio merita comunque di guidare l’Italia. Perché è sempre meglio degli altri, magari.
E’ così, vero?
Lo so che è difficile, più che mai oggi, credere in qualcosa.
So bene quanto sia arduo conservare nel cuore la fiducia nel futuro e soprattutto nelle persone.
Non sono qui per vendervi facile ottimismo, non potrete accusarmi di buonismo e non vi racconterò favolette.
Vi chiedo solo un attimo del vostro tempo.
Andate davanti allo specchio e guardatevi.
Pensate al vostro paese, all’Italia e osservate la vostra immagine riflessa.
Quella che avete davanti non è un sogno.
E’ la realtà.
Quella persona che ora osservate siete voi.
E se ci tornate domani, e dopodomani, sarete sempre voi.
La vita è una, come la vostra immagine nello specchio.
Non avrete altre occasioni.
Non potete cambiare canale e metterci qualcun altro.
Potete truccarvi, sbarbarvi, scorciarvi le sopracciglia o cambiare pettinatura, ma gli occhi che ricambieranno il vostro sguardo saranno sempre i vostri.
I vostri occhi, che hanno visto altri momenti oltre a questo.
Una miriade di attimi di vita vera, in cui non è sempre stato così, come oggi.
Adesso, fermatevi su questa domanda: siete sicuri che il nostro attuale premier, innocente o colpevole, sia veramente ciò che vi meritate?
E soprattutto, per quanto abbiate avuto un’esistenza riprovevole, siete certi che lui meriti voi?



Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.

Storie e Notizie, lo spettacolo: Venerdì 12 Febbraio 2010 a Roma.

Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

Nessun commento:

Posta un commento