Testo ddl anti corruzione in dieci punti

English

Storie e Notizie N. 121

La Storia:

Ecco in esclusiva per il blog il testo del disegno di legge anti corruzione che viene discusso questa mattina in Consiglio dei Ministri da parte del governo Berlusconi:

1. Ti sei fatto corrompere? Non lo fare più, va bene? Altrimenti a letto senza tv!

2. Hai corrotto qualcuno? Se ne hai parlato al telefono, stai tranquillo, tanto adesso facciamo una leggina apposta…

3. Sei corruttibile ma finora non ti è capitato? Candidati con noi e vedrai che le occasioni non mancheranno. Anche dall’altra parte, se è per questo. Ma noi siamo al governo, vuoi mettere?

4. Vorresti corrompere ma ancora non ne hai avuto il coraggio? E buttati! Come dice il detto, si vive una volta sola e si sta in parlamento per sempre…

5. Sei incorruttibile? Bravo, complimenti, hai tutta la nostra stima! Vai pure, ci facciamo sentire noi. Prima però lascia nome, cognome e indirizzo a Feltri. Perché? No, è una cosa nostra…

6. Non hai mai corrotto qualcuno e non sai nemmeno come si fa? Se sei una bella gnocca non preoccuparti, un posto per te lo troviamo.

7. Sei un inguaribile corruttore, la corruzione ce l’hai nel sangue e hai usato la prima paghetta per corrompere tuo fratello maggiore e fargli fare i tuoi compiti? Ma sei sicuro di non essere già dei nostri?

8. Sei suo fratello maggiore e vorresti che ti sia reso il favore? Non temere, da noi la famiglia viene prima di tutto…

9. Cosa c’è che non va? I punti non vi convincono? Leggete bene all’inizio: questo è il disegno di legge anti corruzione, non anti corruttori…

10. Una rassicurazione: se dovessero beccarvi non perdete la calma. Voi date le dimissioni, così vi mettete la coscienza a posto. Tanto poi noi le rifiutiamo…



Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.

Il popolo e la tragica storia d'Italia, Sabato 20 marzo 2010 a Roma.

Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

Nessun commento:

Posta un commento