Bhopal, 2 anni di carcere per 30000 morti

English

Storie e Notizie N. 198

Leggo stamani dell’incredibile sentenza con la quale sono stati condannati i manager – rigorosamente solo indiani – ritenuti responsabili dell’immane tragedia accaduta a Bhopal, in India, nel 1984.
Nella notte del 3 dicembre di quell’anno, un incidente nella filiale indiana dell’industria chimica statunitense Union Carbide, provocò la fuoriuscita di 40 tonnellate di isocianato di metile.
Secondo il sito Bhopal.net, promotore dell’International campaign for justice, a Bhopal, le vittime sono state al momento circa 8.000 e 30.000 minimo negli anni seguenti.
Inoltre si parla di almeno 100.000 persone malate ancora oggi.
Ebbene, i suddetti colpevoli si sono meritati per tale sciagura appena due anni di carcere.
Che dire, consiglio a Berlusconi di licenziare Ghedini e mettersi immediatamente in contatto con gli avvocati dei manager...

La Storia:

2 anni di carcere per questo?!


Per questo?!


E per questo?!


Anche per questo?!


E pure per questo?!


La cosa più grave sapete qual è, a mio modesto parere?
Se nessuno s’incazza per questo.
Perché, come disse Martin Luther King, la vera pace non è semplicemente l'assenza di tensione: è la presenza della giustizia.


Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.

Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

2 commenti:

  1. Caro Alessandro ecc. ecc. (hai un cognome magari interessante ma...unpronounceable), quello che tu, giustamente, mi mostri mi fa INCAZZARE come una BESTIA, ma mi farebbe piacere, visto che ti stimo, che tu mi dicessi cosa possiamo fare per mandare AFFANCULO questi DELINQUENTI padroni delle MULTINAZIONALI. ciao e buon lavoro. frank.

    RispondiElimina
  2. Franco, come sempre mi fai ammazzare con i tuoi commenti.
    Per quanto riguarda cosa fare, non sono nessuno per dare consigli, ma per quanto mi riguarda, tempo fa vidi un film dal titolo The Corporation. Se non lo hai visto, cercalo o vai anche su queso sito: http://www.thecorporation.com
    Ci sono molte informazioni preziose.
    A presto

    RispondiElimina