Agenda

Novembre 2017, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo
Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni

G8 De Gennaro colpevole. Piena fiducia?!

English

Storie e Notizie N. 206

La fiducia è una cosa importante nella vita di tutti.
Non so voi, ma io non sono una persona che si fida facilmente del prossimo.
Una volta sì, ma poi, con il passare degli anni le delusioni mi hanno reso più diffidente.
E’ normale, credo.
E’ sbagliato se alla fine non ti fidi più di nessuno, è chiaro.
Di qualcuno ci si deve pur fidare.
Diciamo che da quando ho superato i quaranta sono molto più cauto nel concedere fiducia agli altri.
Figuriamoci, la piena fiducia.
O la piena solidarietà.
Anche la solidarietà è qualcosa di prezioso, non siete d’accordo?
Sia quando la dai che quando la ricevi, ovviamente.
Ma anche lì, non me la sento di dispensarla così a caso.
Faccio un esempio.
Mettiamo che qualcuno che io conosco venga accusato di un’azione deprecabile.
Per quanto possa volergli bene, la mia fiducia o la mia solidarietà ce l’ha se e solo se è innocente.
Se venisse dichiarato colpevole, be’ - solo nel caso gli fossi legato da un sentimento d’affetto - al massimo mi dispiacerebbe per lui.
Altrimenti, perché insisterei nel dargli fiducia, anzi, piena fiducia e solidarietà?

La Storia:

C’era una volta il paese della fiducia.
Il paese della fiducia era anche il paese della solidarietà.
Ma era più noto per la prima.
L’Olanda è famosa per i mulini a vento.
Ma anche per il fumo.
Tipico.
Il paese della fiducia, ma anche della solidarietà, iniziò a meritarsi tale nome sin dal 2001, quando in Senato l’opposizione chiese di votare la sfiducia in seguito a spiacevoli fatti al G8 dello stesso anno.
In aula ci sono gli amici dei violenti!” esclamò Gianfranco Fini, molto prima di ricordarsi di avere le palle.
E piena fiducia venne votata dalla maggioranza all’allora Ministro dell’Interno Claudio Scajola, persona talmente degna di meritarla da pagargli la casa a sua insaputa, pensate un po'.
Per questo, in quello stesso anno, si guadagnò anche la fiducia del presidente Ciampi.
Eppure le accuse alle forze dell’ordine per quei tragici giorni in quel di Genova erano gravissime, tuttavia, poteva non arrivare la solidarietà di Berlusconi?
E’ o non è l’uomo più fiducioso e solidale del paese della fiducia e della solidarietà?
Nel 2003 ecco che piombano sulle forze di polizia altre accuse.
"Tentativo di trasformare gli aggrediti in aggressori!" denuncia il nuovo Ministro dell’Interno Giuseppe Pisanu. E chi esprime piena solidarietà alla polizia? Clemente Mastella! Cercate di capirlo, è una questione di coerenza. Lui è una persona che ne ha bisogno di continuo.
Esattamente come il Ministro Gasparri, anche lui solidale con gli agenti.
Nel 2007 ecco che viene indagato Giovanni De Gennaro.
L'allora premier Prodi dichiara che lo farà sostituire, ma non gli nega la propria fiducia.
Come dire, noi del centro sinistra, quando c’è da fidarsi o essere solidali dimostriamo alto senso di responsabilità.
Nel 2009 altro G8 ed ennesima fiducia ai funzionari di polizia, stavolta da Bertolaso.
Uno che senza la fiducia di tutti i governi di questi anni, come avrebbe fatto a restare sempre al suo posto?
Arriviamo quindi al 2010: De Gennaro è condannato ad un anno e quattro mesi per i fatti del G8 2001.
E ancora piena fiducia dal Ministro dell’Interno Maroni.
Che volete farci.
Questo è il paese della fiducia e della solidarietà.
Che bello però, se fosse anche il paese della giustizia e dell’onestà



Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.

Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

Commenti