Per Romani Tg1 di Minzolini è il migliore? Ecco perché

Storie e Notizie N. 195

Il Tg1 di Minzolini non mi dispiace, è quello che guardo se voglio essere sicuro di essere informato in una maniera ragionevolmente corretta.
Questa suggestiva osservazione è stata fatta dal vice ministro allo Sviluppo economico con delega alle comunicazioni Paolo Romani.
Quest’ultimo, non contento, tra le altre cose avrebbe in sintesi aggiunto: “Serena Dandini è peggio di Santoro, il Tg3 fa danni per trenta minuti, mentre Rainews 24 per ventiquattro ore al giorno.
Tuttavia, mentre questi possono essere archiviati come prevedibili giudizi di un detrattore dei suddetti conduttori e trasmissioni, è la prima dichiarazione che mi interessa.
Come fa un vice ministro con delega alle comunicazioni, di fronte al telegiornale più parziale della storia televisiva, a dire una cosa del genere?
Ebbene, il sottoscritto ha scoperto con quale arcano processo venga fuori qualcuno che trovi la faccia per esprimere tali incredibili opinioni…

La Storia:

Prendi un individuo a caso, un Paolo come tanti.
Un uomo medio, magari di Milano.
Un cittadino con una cultura medio bassa, preferibilmente non laureato.
Il che è condizione necessaria, ma non sufficiente, sia ben chiaro.
Metti che sia una persona intraprendente e che possibilmente abbia iniziato la sua carriera fondando nel 1974 una rete privata.
Che so, tipo TeleLivorno, va’, una a caso.
Immagina che poi due anni più tardi divenga direttore generale di un’altra emittente.
Una delle tante, come ad esempio Rete A, o MilanoTv e Canale51.
Ma è solo un esempio, eh?
Dicevo, una come Rete A, un canale di prestigio che si vanti di aver lanciato montagne di indispensabili telenovelas e dato lustro a personaggi di prestigio come Guido Angeli e Wanna Marchi, oltre a preziose collaborazioni con giornalisti di spicco del calibro di Emilio Fede, reporter noto nel paese per la sua indubbia onestà intellettuale.
Poniamo caso che nel 1986, dopo tali folgoranti trascorsi, il nostro riceva la proposta di diventare amministratore delegato di un altro canale emergente.
Uno qualsiasi, come Telelombardia.
Metti che tale invito gli sia fatto da un galantuomo dalla fedina penale illibata, uno come Salvatore Ligresti, arrestato e condannato per tangenti, ma che oggi è nel consiglio di amministrazione di Rcs e Unicredit, tanto per dire.
Immaginiamo ora che il nostro eroe decida di mettersi in proprio, per dirigere un canale tutto suo.
Uno come Lombardia 7, così, facendo per ipotesi.
E metti che questo canale diventi popolare grazie ad una trasmissione per adulti condotta da una nota pornostar e collegata a numeri 144 e 166, ovvero i cosiddetti telefoni erotici.
Avete presente che specie di programma? Tipo "Vizi privati e pubbliche virtù", quel geniale talk show condotto da Maurizia Paradiso.
Un fiore all’occhiello in qualsiasi curriculum di qualcuno che desideri far carriera nel campo delle comunicazioni.
Infatti, metti che nel 1994 il nostro Paolo venga eletto deputato esattamente dopo questa significativa dimostrazione di competenza e abilità.
Immagina che il partito che lo accolga sia un movimento creato da un discusso imprenditore,  anch'egli uomo di tv, sin da allora accusato di scendere in campo per salvarsi dai processi che lo riguardano.
Qui non faccio esempi, suppongo non serva.
Ecco, ora metti che in questi anni il protagonista di questa storia faccia carriera nel partito e diventi vice di un importante ministero e con un’autorevole delega.
Come il Ministero dello Sviluppo Economico e la delega alle Comunicazioni.
Avete presente adesso il quadro completo?
Ricordatevi da dove quest’uomo è partito e riflettete su cosa è diventato e grazie a chi.
Non pensate che direbbe qualsiasi cosa pur di continuare la strada fatta finora?


 

Commenti

  1. Ammetiamo che questi romani siano dei poco di buono come quei milanesi e che gli altri (italiani), secondo loro (romani e milanesi), siano degli stupidi e questi perchè sono stupidi e ignoranti si ribellano, cosa succede?

    RispondiElimina
  2. ma vergognati. supponiamo tu chi sei...e sicuramente da quale parte non stai?

    RispondiElimina
  3. Leggendo questi articoli si Evidenzia sempre più l'ignoranza delle persone di Corrente di Sinistra che al posto di aiutare il paese a migliorare, passano le giornate a giudicare i Politici di Destra..
    Non esiste una persona di sinistra che non sia Ipocrita.. Avanti così che perderete sempre più consensi..

    RispondiElimina
  4. BEH... DIRE CHE IL TG3 SIA IMBARAZZANTE AL PARI DEL TG4 NON MI SEMBRA PROPRIO SCORRETTO.
    IO MI REPUTO MODERATO E NON SCHIERATO E IL TG3 è VERAMENTE INGUARDABILE..TANTO QUANTO QUELLO DI FEDE E SEMPRE PIù SPESSO STUDIO APERTO, MA ALMENO GLI ULTIMI 2 NON LI PAGO IO!!
    MARCO

    RispondiElimina
  5. Ci fossero politici a destra da giudicare lo faremo volentieri noi di sinistra. Il problema è che non sono politici bensì dei mercenari e viscidi personaggi che pur di star saduti li obbediscono (poveri senza ideali costretti all'obbedienza) intanto l'unico interesse è quello di una sola persona. Questa non sei tu John..di te se ne strafottono non conti nulla per loro se non solo per il voto alle elezioni.
    Quanche giorno fa il nano ha detto di essere come quell'idiota di mussolini...e allora che ci facesse il piacere di andare a piazzale loreto e appiccarsi alla fune senza farci perdere tempo..tanto se è come lui quella fine deve fare.
    Richard

    RispondiElimina
  6. anonimo delle 12.13: sei un poveretto, un po' di scuola in più non ti avrebbe fatto male, non tanto per la cultura (che a te evidentemente non interessa) quanto per l'esercizio mentale che ti avrebbe costretto a pensare col tuo cervello;
    Marco: ti ricordo che TUTTI paghiamo il canone, compresi quelli che NON hanno votato il nano, in un paese che si voglia definire democratico la minoranza va comunque rappresentata, non messa a tacere. Complimenti alla tua "moderazione" censoria.

    RispondiElimina
  7. A me non preoccupano tanto gli ascari di regime, quale il primo bloggaro, ma quelli che si ritengono terzi, equiparando tg3 a tg4, e pretendono di osservare da lontano, preferibilmente da un altro pianeta, quanto accade qui in Italia. Poi, tornati sulla vecchia madre terra al momento di votare, questi signori per CHI votano?
    rreho@virgilio.it

    RispondiElimina
  8. Non mi sono mai chiesto perchè non vedere il
    Tg1 e finora l'ho sempre guardato, finchè non
    ho dovuto sorbirmi le scempiaggini di Minzolini
    che fà dei ver e propri comizi. Meglio vedere il tg3 e gli altri dove perlomeno possono parlare più voci. Lauro

    RispondiElimina
  9. d'alema si è espresso nell'unico modo possibile, con certa gente, ovvero "che vadano a farsi fottere" . effettivamente è l'unico linguaggio che si meritano .

    RispondiElimina
  10. Articolo ben fatto e chiarificatore.....niente da aggiungere su romani(volutamente in minuscolo)......diventerei volgare!
    Nonostante questo continuo a chiedermi come il PDL riesca a vincere varie elezioni forse gli italiani aspettano che la m....a gli arrivi in bocca e si svegli come successe nel '43.....meditate gente meditate!
    gigi

    RispondiElimina
  11. Il TG3 comunque, anche volendo argomentare da un punto di vista di destra non fa "danni". Riportare un punto di vista, un'opinione politica, non è un "danno" in democrazia. Invece, un rappresentante ai massimi livelli delle istituzioni, il quale rappresenta tutti gli italiani, e che è pagato da tutti gli italiani, ed il quale -ci si augura- un giorno ritornerà ad essere uno del popolo come tutti gli altri italiani, che parla di "danni" (oltretutto quando 5 tg su 6 sono berlusconiani) dimostra di essere davvero un cretino. Piccolo come la sua visione di politica e piccolo come il suo cevello. Così come quelli che, con il solito errore di confondere forza di idee e idea di forze, parlano di "così continuerete a perdere consensi...". Che poi è parititico a quello che accade a Berlusconi fuori dall'italia, il quale è oramai a 0 di reputazione e a 1000 di pateticità.

    RispondiElimina
  12. Viscidi, senza ideali e costretti all'obbedienza, ma c'è dipiù: non sono uomini liberi...

    RispondiElimina
  13. andrea da livorno3 giugno 2010 14:33

    La scuola di partito...mai rispondere all'argomento in sè ma deviare sulle notizie...ha fatto scuola non solo sui rappresentanti del pdl, ma anche sui suoi sostenitori, ce ne fosse uno che entra in merito alla notizia riportata ammettendo,quando è il caso, di riconoscere la negatività della notizia. Niente toglie poi la possibilità di riportarne una di segno contrario su cui si possa discutere...Ma Capezzone insegna, mai far parlare l'altro e deviare, deviare, confondere le acque, tanto sono tutti cretini.........

    RispondiElimina
  14. io non guardo piu ne rai ne mediaset mi informo solo con i tg di sky e tramite la rete il resto e spazzatura

    RispondiElimina
  15. mi fanno ridere quelli che dicono che per la rai si paga il canone. lo sapete che la rai ha un limite per la pubblicita' e mediaset no? e la pubblicita' chi la paga noi o il nano?

    RispondiElimina
  16. Andrea da Livorno hai proprio ragione quello che rimprovero ai rappresentanti dell'opposizione e' che ancora non hanno imparato a interrompere e a parlare sopra come fanno questi fascisti. la senzazione non e' che sono piu' educati e disposti al dialogo ma piu' deboli. renata da Siena

    RispondiElimina
  17. Io vorrei sapere come mai un uomo come Berlusconi abbia bisogno di tanti cortigiani alla sua corte, paragonare TV3 a Rete 4 mi sembra a dir poco demenziale, con un giornalista come Emilio Fede smaccatamente cortigiano che negherebbe pure l'evidenza pur di compiacere il suo amato padrone

    RispondiElimina
  18. certa gente ha solo sete di tempo,e non accetta il significato,ma si dimentica che il tempo pure lui ci pone dei limiti e tutto si muove verso l'avanti e tutto tende ad invecchiare :oggi sssistiamo e dobbiamo digerire solo l'immagine,e sappiamo perchè Psicologicamente tutti questi esseri che vivino di sondaggi ,hanno secondo me e secondo "qualcuna" l'organo nobile "Idrocefalizzante" e annaquano ,e ammorbano pure i cervelli altrui,Erasmo da Rotteram è un capostipide di quel vivere,quando elugia "sorella pazzia" Ma il tempo passa e i cretini svaniscono col tempo. Mi avvisani che anche il NEUTRINO ha una massa ,questa è una speranza che la sua scissione produca più intelligenze Difendiamo la RAI da questi Briganti.

    RispondiElimina
  19. Appena arrivata sul tuo blog e già faccio la ladra. Il tuo post era perfetto così e non mi andava di parafrasare dissimulando un plagio. Ho, però, dichiarato e linkato l'origine. Spero non ti dispiaccia. Tornerò presto a leggerti.

    RispondiElimina
  20. Cara L.S.D., non mi dispiace affatto quando si linka l'origine. ;)

    RispondiElimina
  21. Ciao Alessandro, ho letto con piacere l'articolo e relativi commenti,alcuni purtroppo dettati forse dall'ignoranza. Mi sono iscritto per seguirti su blogger.Tornando all'articolo ho pensato che romani(minuscolo) abbia fatto questa uscita perchè c'è il posto di scaiola vacante e bisogna rendersi visibili agli occhi del ducetto.
    Un saluto.....

    RispondiElimina
  22. Diksa: Ciao, che dire, la tua spiegazione non è in contrasto con la storia, anzi. ;)

    RispondiElimina

Posta un commento