Berlusconi e Mandela a confronto

English

Storie e Notizie N. 222

A detta di molti giornali, l’attimo più emozionante della cerimonia che ieri ha preceduto la finale del campionato del mondo di calcio è stato il breve giro di campo di Nelson Mandela.
Non appena la piccola auto elettrica è apparsa tutto lo stadio è balzato in piedi.
Solo cinque minuti.
Cinque minuti per salutare e sorridere alle persone presenti e le miliardi collegate via etere.
Nessun discorso, nessun bisogno di lanciare messaggi illuminanti o toccanti.
E’ un privilegio di quegli uomini la cui storia parla per loro e ottiene un oceano di rispetto e ammirazione da chiunque.
Basta un cenno di saluto con la mano, un sorriso e la standing ovation è totale.
La realtà è che la gente si alzerebbe in piedi anche senza di essi, innanzi a uomini come Mandela.
Uomini che la storia del mondo, tra le altre cose, definisce leaders.
Si dice che ogni paese ha il governo che si merita.
Ebbene, allo stesso modo, ciascun popolo (della libertà) ha il proprio leader.
E vale il viceversa…

La Storia:

Quest’uomo è stato in prigione ventisette anni per difendere le sue idee…


Quest’altro è disposto a venderle a qualsiasi prezzo pur di non andare un minuto soltanto in tribunale, figuriamoci in prigione...


Quest’uomo nel 1993 è stato insignito del premio Nobel per la pace e la sua è risultata l’assegnazione più indiscussa della storia…


Quest’altro è stato indicato come papabile da alcuni suoi discepoli ed è ancora oggi la cazzata più indiscussa della storia…


Quest’uomo, il giorno della sua ingiusta condanna, dichiarò di essere pronto a morire in nome della libertà del suo popolo


Quest’altro, in qualsiasi giorno della sua vita, sarebbe pronto a far morire un intero popolo in nome della sua libertà


A quest’uomo è sufficiente un sorriso per ottenere l’attenzione della gente…


Quest’altro deve necessariamente dire qualche stronzata, altrimenti nessuno se lo fila…


Quest’uomo, quando non ci sarà più, sarà ricordato come un mito dal suo popolo…


Quest’altro, quando non ci sarà più, verrà rinnegato un secondo dopo dal suo popolo.


Lo rinnegano da vivo, figuriamoci dopo…


Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.



Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

Nessun commento:

Posta un commento