Wikileaks file segreti Iraq: telegramma Berlusconi Bush

Storie e Notizie N. 259

Oggi due notizie hanno catturato particolarmente la mia attenzione.
La prima riguarda l’imminente pubblicazione da parte di Wikileaks di addirittura 400.000 documenti segreti sulla guerra in Iraq.
Al momento della stesura di questo post il sito in questione è in manutenzione, in attesa di offrire al popolo della rete mondiale gli scottanti files.
Nel frattempo il suddetto popolo lo sta praticamente intasando di visite, nonostante una task force del governo americano sia stata preparata a reagire di conseguenza.
I responsabili di Wikileaks informano inoltre che le autorità statunitensi hanno direttamente contribuito al blocco delle donazioni sul sito.
Ciò nonostante, tutto questo rappresenta una straordinaria azione pubblicitaria per quest’ultimo, non credete?
La seconda notizia di cui vorrei parlarvi vi è forse più nota ma, leggendo anch’essa in quest’ottica, si lega perfettamente alla precedente.
Mi riferisco all’ultima puntata di Report sulla vicenda delle ville di Berlusconi alla isole Antigua.
Grazie alle anticipazioni su molti media e soprattutto per merito del geniale veto posto da Ghedini, avvocato del premier, la Gabanelli ha fatto il record di ascolto.
Così com’è stato per Annozero subito dopo la notizia della sospensione di Santoro decisa da Masi.
Da cui il dilemma: nell’era del web, l’opposizione/censura dei governi è un ostacolo o un aiuto?



La Storia:

Se io vi rivelassi di possedere, in esclusiva, il prossimo dei documenti segreti sulla guerra in Iraq che Wikileaks sta per pubblicare? Immaginatevi un telegramma inviato nel 2008 dall’allora presidente degli Stati Uniti George W. Bush al premier Silvio Berlusconi:



Il testo del messaggio tradotto in Italiano è il seguente:

Caro Silvio,
com’è la tua villa alle isole Antigua? Ne voglio comprare una anche io.
Ovviamente, nel modo furbo con il quale hai fatto tu…

George W.

PS: Grazie alla guerra in Iraq abbiamo un sacco di soldi da spendere, non è vero?

Ovviamente, è un falso, un fake.
Nondimeno, vi sembra così tanto inverosimile?





6 commenti:

  1. ammazzare l'infedele

    RispondiElimina
  2. Nulla di nuovo sotto il sole!
    Questo telegramma non rappresenta nulla di strano per personaggi che in virtù del potere finanziario ritengono di poter disporre (o meglio comperare) chiunque e comunque.
    Da questo punto di vista Mr. b. non è più coglione di Bush figlio.

    RispondiElimina
  3. Ciao Alessandro!
    Secondo me bisognerebbe stampare e diffondere delle magliette con telegramma e traduzione!
    Viviana

    RispondiElimina
  4. Cara Viviana, non è una cattiva idea... ;)

    RispondiElimina
  5. !!!e questo e' solo l'inizio!!!
    cosa ci serve ancora per comprendere ciò che la politica e' realmente?
    e noi, che continuiamo ad essere complici silenti di questo schifo!!!!
    Grande l'idea delle magliette!!
    Miriam.

    RispondiElimina
  6. SERGIO DE GREGORIO5 dicembre 2010 13:04

    Possibile mai che noi italiani siamo cosi stupidi da farci sfottere tutti i giorni da questi meschini politicanti.
    Mandiamoli tutti a casa( o meglio:in galera )e riprendiamoci l'italia.
    Io credo che dobbiamo svegliarci,infondo abbiamo dormito anche troppo.
    SERGIO DE GREGORIO

    RispondiElimina