Agenda

Novembre 2017, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo
Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni

Video scontri Roma, rissa alla Camera e insulti in tv: dicesi guerra civile

English

Storie e Notizie N. 299

Noi ci facciamo immagini dei fatti, afferma il filosofo Ludwig Wittgenstein.
Credo sia più che mai vero osservando il racconto visivo di quel che è accaduto ieri e che forse sta avvenendo nel nostro paese da tempo immemore.
Ciò di cui sto parlando è sotto i nostri occhi ogni giorno, in molteplici attimi ai quali molti di noi sono ormai assuefatti.
Sono cosa normale e la normalità è visibile nelle notizie per tutto tranne che per ciò che effettivamente rappresenta.
E così diviene il rumore di fondo, la scenografia sullo sfondo, il disegno nello sfondo del desktop del nostro personale monitor.
Il problema è che quando si colora di brutale violenza e incontenibile odio prima o poi arriva il momento che si infrangono i confini e quello sfondo diviene il nostro solo ed unico mondo.
A quel punto è ormai troppo tardi per scansarci e tirare un sospiro di sollievo perché anche stavolta non siamo le vittime.
Non possiamo più cambiare canale.
Non esiste più alcun Facebook in cui rifugiarci.
Da Wikipedia, dicesi Guerra civile: un conflitto armato di vaste proporzioni, nel quale le parti belligeranti sono principalmente costituite da persone appartenenti alla popolazione di un unico Paese

La Storia:

In guerra, la verità è la prima vittima (Eschilo):



La guerra è una sciagura così immane, il suo esito così incerto e le conseguenze, per un paese, così catastrofiche, che i sovrani non avranno mai riflettuto abbastanza prima di intraprenderla (Federico il Grande):



Una delle più orribili caratteristiche della guerra è che la propaganda bellica, tutte le vociferazioni, le menzogne, l'odio provengono inevitabilmente da coloro che non combattono (George Orwell):
 


 La guerra non è che commercio (Evelyn Waugh):



 La guerra è l'impiego illimitato della forza bruta (Carl von Clausewitz):



Ed infine...

Come al tempo delle lance e delle spade, così anche oggi, nell'era dei missili, a uccidere, prima delle armi, è il cuore dell'uomo (Giovanni Paolo II):



Ecco il video:




Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.



Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su FriendfeedCondividi su Google

Commenti

  1. uno spettacolo raccapricciante, quello in aula e quello per le strade. I nostri maestri sono dei cattivi maestri e purtroppo è più facile ispirarsi al cattivo che non al buono. La guerriglia di ieri ha di fatto annullato il messaggio vero delle manifestazioni (e cioè il dissenso). Ora si parla "solo" di violenza...quanta amarezza...

    RispondiElimina

Posta un commento