Plagio: cosa fare se il plagiante si rifiuta di rimuovere il post?

E’ la prima volta che mi succede una cosa del genere.
Non è la prima volta che qualcuno copia parte o tutto il contenuto di un mio articolo senza citare la fonte.
Spesso capita, come qualche giorno fa, che qualcun altro me lo fa notare.
Ho sempre inviato una cortese email chiedendo di rimuovere il post incriminato e più o meno tempestivamente l’autore del plagio ha provveduto, scusandosi dell’accaduto.
Ora, capita che un mio post risalente al 21 febbraio, Monsignor Paolo Rigon: ignoranza è male da guarire, sia stato copiato in questo blog: http://www.cameraconsvista.it/2011/02/22/salviamo-il-prelato-rigon/
La data e l’ora del plagio sono queste, come da istantanea (non si sa mai…):


Ho scritto all’autore, tale Hugo Proff alias Roberto Schinco, invitandolo a cancellare il post.
Ieri, non avendo ricevuto risposta e constatando che l’articolo copiato fosse ancora presente sul suo blog, ho anche ribadito la mia richiesta commentando su di esso.
Stamani, con mia grande sorpresa, vedo che il mio commento è stato cancellato e trovo sul blog di questo signore, che sbandiera di scrivere sul Fatto quotidiano, tale delirante post:
In sintesi, secondo il tipo, io avrei plagiato lui e poi cambiato la data.
Ripeto, è la prima volta che mi capita qualcosa del genere e sono rimasto veramente allibito.
Il fatto – quotidiano o meno – è che il mio articolo (a parte la data della Newsletter, il gruppo Storie e Notizie su Facebook, ecc.) non solo l’ho pubblicato il giorno prima di lui (ore 15.59) ma subito dopo l’ho postato come sempre su OkNotizie e su Blog News.
Oltretutto, su quest’ultimo è attualmente tra i post più apprezzati, in testa nella top della settimana. Quindi sotto gli occhi dei vari testimoni che l’hanno letto e votato.
Cosa fare se il plagiante insisterà nella sua quanto mai disonesta posizione?

Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su FriendfeedCondividi su Google

15 commenti:

  1. Ho letto il commento n° 3, nel post fax simile, dove il lettore manifesta una certa "perplessità" ...

    sabry84 dice:

    Pubblicato il 22 02 2011 alle 12:58

    Alla fine Hugo lo ritroviamo a dir messa.
    RIDACCI I TUOI POST HUGO.
    Ma che ti succede?

    forse non riconosce lo "stile" ...

    Ale lascia stare non tanto per probabili problemi di natura legale ma per il fatto che i lettori capiscono "al volo" quando la farina arriva da un "sacco" diverso.

    RispondiElimina
  2. Caro Maurizio, credo tu abbia ragione.
    La cosa che più mi lascia perplesso è che, se è vero quanto afferma sul suo blog - a questo punto si può dubitare di tutto... - questo tizio scrive per il Fatto quotidiano...

    RispondiElimina
  3. che brutta situzione e soprattuto che tristezza copiare...

    RispondiElimina
  4. http://www.splinder.com/myblog/post/322876/24185268/yes

    solid

    RispondiElimina
  5. Ale mi puoi contattare per mail ?

    RispondiElimina
  6. @Ernest: Già, hai ragione... :(
    @Maurizio: Certo. Forse sono un po' lento io, sul tuo blog non trovo la mail o il modulo per i contatti. Scrivimi al mio, così ti rispondo subito. ;)

    RispondiElimina
  7. Anche a me è successo che qualche mio post sia stato copiato integralmente su un altro bog. Generalmente viene citata - anche se in piccolo - la fonte. Quando questo non viene fatto, normalmente di fronte a una richiesta esplicita, i blogger copioni mettono una postilla con la fonte del post copiato.
    In questo caso non so che dire. Posso manifestarti tutta la mia solidarietà, dato che so quanta fatica ci vuole per elaborare un post originale e argomentato.
    Purtroppo quelli che fanno più successo in rete sono quelli più banali.
    Per esempio, mentre ho circa 300 visitatori unici al giorno in media per i post più "seri", ieri - che ho pubblicato un post contenente solo due foto - ho avuto quasi 4.000 visitatori unici (http://svistasocialclub.wordpress.com/2011/02/24/homo-italienisch-come-i-tedeschi-vedono-gli-italiani/). Questo mi pone qualche interrogativo su chi frequenta i blog di "politica".
    Comunque, tornando al tuo caso, visto il carattere non commerciale sia del mio che del tuo blog, io mi sentirei già soddisfatto che qualcuno avesse rilanciato un mio scritto in rete e fatto conoscere quello che ho da dire.
    Se fossi in te non perderei ulteriore tempo con un blogger maleducato.
    Buon lavoro,
    pocavista

    RispondiElimina
  8. @pocavista: Grazie di cuore della preziosa condivisione! ;)

    RispondiElimina
  9. Il nostro ha imparato il sistema da culo flaccido: negare tutto anche di fronte all'evidenza e, nel caso, mistificare la realta' rovesciando la colpa sugli altri.

    RispondiElimina
  10. Ignoralo!
    Più idiota di così non potrebbe essere, forse non è neanche tanto normale ed è meglio lasciarlo cuocere per suo conto.
    Cristiana

    RispondiElimina
  11. @Cristiana: Sai, dopo aver visto il volume di scopiazzature, inizio ad esser preoccupato per lui...

    RispondiElimina
  12. Nick Mentafredda27 febbraio 2011 11:52

    che sia vero oppure no che ci scriva, bisognerebbe avvisare quelli del Fatto Quotidiano della vicenda, non credete? e lasciar decidere a loro se utilizzare ancora i post di un simile figuro...

    RispondiElimina
  13. @Nick: So che qualcuno l'ha fatto. A questo punto propongo di guardare avanti e passare oltre...

    RispondiElimina
  14. Non mi è mai successo, vuoi perchè non sono così importante o forse perchè sono troppo brasato e non me ne sono accorto ma per quel che vale mi permetto di aggiungere anche il mio messaggio di solidarietà. Non posso far altro che ricordarti quel famoso proverbio di zarathurstra:

    che tu corra e ti muova,
    ti siedi e aspetti,
    prima o poi
    uno stronzo
    lo incontri!

    Forse tale Hugo Proff era il tuo!?! ;-)

    RispondiElimina
  15. Ciao Chit, grazie per la solidarietà. La cosa poi si è risolta. L'autore del plagio ha ammesso quest'ultimo e si è scusato, aggiungendo la fonte al post. Come dire, tutto è bene quel che... :)

    RispondiElimina

Sharethis