Agenda

Novembre 2017, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo
Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni

Prestigiacomo sul nucleare in Italia va ascoltata: ha laurea in scienze dell'amministrazione…

English

Storie e Notizie N. 350

La Storia:

Care catastrofiste e gentili catrastrofisti,
la smettiamo di sfruttare il Giappone per portare acqua al mulino delle vostre ipocrite battaglie ecologiste?
La finiamo con questi strumentali allarmismi per far leva sulle paure delle menti deboli?
Sentite cosa dice in sintesi il Ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo: “L’Italia segue con sgomento e preoccupazione i drammatici avvenimenti in Giappone, ma non cambia la linea del governo rispetto al rientro nel sistema nucleare europeo. Il fatto che l’Italia debba ricominciare da zero è un vantaggio dal punto di vista della sicurezza, perché si potranno usare le tecnologie più avanzate nelle nuove centrali.”
E’ chiaro? Tutti proviamo sgomento e preoccupazione innanzi alle foto e i video che ci arrivano dalla centrale di Fukushima, ma questo non ci autorizza ad approfittarne per fare del terrorismo psicologico.
Le tecnologie più avanzate, questa è la nostra risposta ai problemi da affrontare.
Come? Cosa c’entra il terremoto in Abruzzo?
Facciamo la solita demagogia?
Prego? Che vuol dire e allora l’immondizia a Napoli?
Queste sono chiacchiere da bar.
Come sulla nazionale di calcio.
Tutti si sentono in diritto di fare i commissari tecnici.
La realtà è che le grandi questioni, quelle che riguardano l’intera popolazione, debbono essere gestite dai migliori esperti, ovvero i più talentuosi professionisti, con le giuste competenze.
Che? La Prestigiacomo? E’ Ministro dell’Ambiente, non so se mi spiego.
Se non se ne deve occupare lei del nucleare...
Se è laureata?
Certo che lo è!
In che cosa?
Aspettate che controllo
Ecco: Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione alla Libera Università Maria Santissima Assunta con una tesi sulle adozioni internazionali, contenti?
Cosa c’entra con l’ambiente e soprattutto con il nucleare?
E che cappero ne so?!
E lei il ministro, mica io…



Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.



Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su FriendfeedCondividi su Google

Commenti

  1. Cosa c’entra con l’ambiente e soprattutto con il nucleare?

    Forse la risposta è nella vignetta di PUNCH Paride, dove la "nostra" è stata ribattezzata "PrestigiAtomo". Geniale ...

    RispondiElimina
  2. Il mio cane non è riuscito a laurearsi e vive quasi sempre all'aperto, tra alberi e terra. D'inverno spesso addenta la coperta e se la trascina fuori dal suo box, la stende e ci si accomoda su. Poi l'ho capito: frappone tra il freddo pavimento e il suo corpo una sorta di interruzione per non far passare l'umidità. E quando ci stanno i forti temporali e i tuoni, si rannicchia nel suo box, all'erta e anche paurosa.
    Prova a difendersi, poverina. Ma è solo un cane.
    La Prestigiacomo invece è una ministra.
    Ciao!

    RispondiElimina
  3. @Maurizio: PrestigiAtomo! :)
    @River: Quando è meglio un cane come ministro...

    RispondiElimina
  4. Ma, tempo addietro non si era addirittura commossa per "una battuta" e voleva lasciare il Governo? Certo chiedere una qualche preoccupazione per gli uomini che verranno dopo di noi è troppo?

    RispondiElimina
  5. secondo voi qual'è la laurea che le accomuna?
    mi consenta!
    http://www.corriere.it/gallery/politica/12-2010/donne/1/berlusconi-girl-s_15afb842-0e8c-11e0-bf2d-00144f02aabc.shtml#1

    RispondiElimina
  6. Purtroppo chi ci governa è al servizio dei soldi, infatti i soldi e il potere portano a queste cose, all'avanzata ceca di progetti contro la persona e la vita delle persone e delle generazioni future. Chi vuole il nucleare come i "nostri" ministri dovrebbero farsi carico nei loro giardini e camere da letto delle scorie radioattive delle centrali dismesse cosi da far posto a quelle nuove che arriveranno.

    RispondiElimina

Posta un commento