Agenda

Novembre 2017, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo
Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni

Internet diritto fondamentale in Italia: testo della legge

Storie e Notizie N. 369

La Storia:

E vai!
Dopo anni di umiliazioni nelle relazioni sulla libertà di stampa di Freedom House e il recente vergognoso 51esimo posto - dietro India, Malesia e Tunisia... - nella classifica del World Economic Forum riguardo alla tecnologia informatica, finalmente qualcosa inizia a muoversi anche nel nostro paese.
Leggo che il parlamento ha da poco approvato questo disegno di legge:

Legge che definisce l’accesso ad Internet un diritto fondamentale e di pubblica necessità e la diffusione dei servizio di telecomunicazione a banda larga e la modifica della portata del Fondo di Investimento nelle Telecomunicazioni (FITEL) di preferenziale interesse nazionale.

Articolo 1. - Finalità della legge

Dichiarare l’accesso ad Internet un diritto fondamentale e di pubblica necessità e la diffusione dei servizio di telecomunicazione a banda larga e consentire il potenziamento del Fondo di Investimento nelle Telecomunicazioni (FITEL) al fine di rendere agile il processo dei progetti di telecomunicazione.

Lo Stato attraverso il suddetto Fondo assiste nello sviluppo di nuove reti di trasmissione in fibra ottica che mettono in comunicazione tutti i dipartimenti del paese formando una rete nazionale che consenta lo sviluppo di un accesso ad alta velocità per il bene della popolazione

Ops!
Aspettate un attimo…
Scusate…
Mi sono sbagliato…
La legge non è stata approvata in Italia ma in Perù
Eh, mi sembrava strano.
Che distratto che sono…


Venerdì 20 maggio 2011, vieni ad ascoltarmi a Roma: L'Italia che vorrei.


Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.



Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su FriendfeedCondividi su Google

Commenti

  1. Che dici li mandiamo ?

    Come dove ?

    Dici che non è specificato il "luogo" ?

    Vero ... In Perù per vedere come si fanno le leggi !

    RispondiElimina

Posta un commento