Decreto anti inchini testo integrale ufficiale

Storie e Notizie N. 542

Ecco il testo ufficiale e integrale del decreto anti inchini redatto e firmato dal ministro dell’Ambiente Corrado Clini e dal ministro dello sviluppo economico Corrado Passera:

Art. 1

Introduzione:

In considerazione dei tragici quanto vergognosi eventi legati all’incidente della nave da crociera Costa Concordia, dall’approvazione del presente decreto, ogni tipo di abuso del proprio ruolo professionale e istituzionale al fine di omaggiare chicchessia, per poi eventualmente ottenere qualche vantaggio in cambio, diviene punibile a norma di legge con una pena quantificabile dai 2 ai cinque anni di carcere.

Art. 2

Definizione di inchino figurato:

Nell’insieme di tali abusi rientrano pienamente gli inchini che qui definiremo figurati. Significativo è il passaggio delle navi in prossimità di una o più persone oggetto di particolare attenzione, ma non solo. Sono da considerarsi inchini e quindi proibiti anche passaggi gratuiti su aerei di stato a soggetti non autorizzati, agevolazioni varie offerte a figure di rilievo in vista di futuri favori, trattamenti speciali riservati a personalità criminali per timori o legami pregressi, ecc.

Art. 3

Corollario:

Il presente decreto, oltre agli inchini, va naturalmente esteso a tutte le forme di asservimento della pubblica e privata amministrazione nei confronti di personaggi più o meno altolocati. Rientrano perciò sotto la lente di tale divieto i leccapiedi di mestiere, i virtuosi dell’appecoramento e i professionisti della genuflessione a comando.
Siamo consapevoli che tale delibera in pratica renderà fuori legge la maggior parte dell’attuale classe politica, sia a livello nazionale che regionale. Tuttavia, i tempi sono duri e, per usare una frase ormai scolpita nella memoria degli italiani, è giunta l’ora di andare tutti quanti… a bordo cazzo!


La Notizia (AGI): Concordia: Clini, firmato decreto anti-inchini

Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.



Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

Nessun commento:

Posta un commento