Agenda

Sabato 11 Novembre 2017 ore 19, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni, Libreria Teatro Tlon – Via F. Nansen 14, Roma - Ingresso libero. Per info e prenotazioni: libreriateatro@tlon.it - 06 45653446

Lettera Goldman Sachs New York Times integrale

Ecco la traduzione italiana della lettera del banchiere dimissionario:

Storie e Notizie N. 553

Gentile redazione,
prima di tutto vi ringrazio per l’occasione che mi date di sfogarmi.
Brecht ha detto che il vero ladro non è il rapinatore di banca, bensì chi la fonda. Ha sbagliato, questi non sono solo ladri, perché non si limitano a rubare ma a compiere ogni reato del codice penale.
Sono degli assassini, che hanno sulla coscienza tutte i poveri cristi che hanno perso la vita o se la sono tolta da soli perché hanno visto i propri mobili pignorati, le proprie case sottratte e i propri beni messi all’asta.
Sono degli usurai, è banale, ma è così, sono degli strozzini legalizzati, dei parassiti che succhiano il sangue dei disgraziati, stando lì, nascosti dietro quegli sportelli, che sembra che ti facciano un favore anche solo se ti salutano quando arrivi.
Sono dei mafiosi, sì, avete capito bene, fanno parte integrante della mafia, perché dove credete che si trovino i soldi della medesima? Sotto il materasso del don di turno nascosto nel casolare, intento a scrivere pizzini?
Sono dei guerrafondai, parte responsabile di tutte le guerre del mondo, perché dove pensate che vadano tutti quei soldi che vi chiedono di investire, o che investono senza neppure domandarvelo, se non per commerciare in armi? Vanno alla Caritas, secondo voi?
Ma sapete qual è la cosa più assurda? Che non sono neanche capaci di fare il loro lavoro. Neppure come delinquenti si meritano i propri stipendi.
Almeno quelli normali, e non nascosti in giacca e cravatta con la penna aziendale nel taschino, rischiano la galera ogni giorno. Loro no, loro se ne stanno con il culo al caldo, vanno in rosso e sprecano denaro a destra e a manca, ma rimangono al loro posto, perché tanto hanno già fottuto tutti quelli che contano.
Sono le vere prostitute di questo mondo. Se la fanno con chiunque, basta che paghi, che siano soldi piuttosto che favori.
Fateci caso, perché fin dalla loro apparizione sulla terra, qualunque cosa accada, guerre, epidemie, terremoti, morti e distruzione, loro ne escono sempre indenni.
Anzi, più ricche di prima...

Ops… cavolo, mi sono sbagliato! Questa non è la traduzione italiana della lettera, bensì la versione italiana…

La Notizia (Corriere della sera): «Pensano soltanto a fare soldi. Ecco perché lascio Goldman Sachs»

Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.



Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

Commenti