Marchionne di soli diritti si muore uccisi

Oggi Marchionne ha detto: "Viviamo nell'epoca dei diritti: al posto fisso, al salario garantito, al lavoro sotto casa, ma anche il diritto a urlare e a sfilare e il diritto a pretendere. Ma anche se i diritti sono sacrosanti e vanno tutelati, se continuiamo a vivere di soli diritti, di diritti moriremo..."

Ha ragione, di soli diritti si muore.




Ovvero, uccisi a tradimento...


A meno che non lasciamo solo chi lotta per quei diritti, i nostri diritti...


Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

3 commenti:

  1. O bruciati vivi, per suicidio, come quei lavoratori e piccoli imprenditori strangolati dai debiti privati e di Stato
    Sillaponza

    RispondiElimina
  2. GENERAZIONI a CONFRONTO
    La generazione nata n’ellera fascista non ha goduto la sua giovinezza
    Finita la guerra molti giovani a 12 anni già lavoravano
    per non essere di peso alla famiglia
    (i giovani nati negli anni 60 con la pancia piena studiavano) mentre i loro Padri e i giovani con la pancia vuota ricostruivano L’Italia.
    Nel 1968 la nuova generazione con la pancia piena manifestava
    i risultati? sono ben visibili. Incominciando dalla politica –sindacati- imprenditoria - manager-faccendieri ecc .
    le generazione nate nel dopoguerra dovrebbero fare un esame di coscienza
    mettendo a confronto il loro modo di sacrificarsi con quello dei loro Padri
    che a distanza di 66 anni ancora si sacrificano per i figli.
    Se studiate fino ha 30 anni chi paga i genitori se siete disoccupati chi vi campa i genitori
    Il tutto continua anche quando giunti alla vecchiaia andiamo in Pensione.

    Quello che fa più male è sentir dire che i Padri
    con i privilegi goduti negli anni passati hanno distrutto il futuro dei figli .

    L’errore commesso dai padri nel dopo guerra? è il
    non avere capito che il carattere di una persona
    non si forgia nell’agiatezza
    ma nel superare i problemi della vita quotidiana.
    Il risultato? è dovuto alla apatia dei giovani
    e alla disonestà dei sessantottini che appartengono alla classe politica
    serva dei capitalisti. VITTORIO

    RispondiElimina
  3. Per le immagini dei morti ammazzati per i diritti inserirei fratelli Gracchi che nella Roma antica lottarono per imporre un limite alla proprietà terriera. Le ingiustizie vengono da lontano e la lotta contro le ingiustizie viene da lontano.

    RispondiElimina