Ministro Severino e i Blog: censura

Immaginiamo che il Ministro della Giustizia di un paese diversamente democratico come pochi al mondo se n'esca così: "I blog possono fare più danni dei giornali. Il cittadino ha il diritto di interloquire con un altro. Ma deve seguire le regole. Scrivere su un blog non autorizza a scrivere qualunque cosa, soprattutto se si sta trattando di diritti di altri. I blog hanno capacità di diffondere pensiero ma questo non deve trasformarsi in libertà di arbitrio."
Se il paese in questione fosse realmente democratico, il cittadino avrebbe il sacrosanto diritto di interloquire con chiunque, ovvero con quanti desideri, e di pensare, parlare e scrivere di qualunque cosa gli passasse per la mente, con il proprio inviolato libero arbitrio, al netto poi di risponderne personalmente di fronte alla società e alla legge che ne regola la vita.
Altrimenti, dicesi censura: controllo della comunicazione o di altre forme di libertà (libertà di espressione, di pensiero, di parola) da parte di una autorità.




Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

Commenti

  1. Ci stiamo man mano avviando ad uno stato di polizia.

    RispondiElimina
  2. la dura no, non dura molto sta cosa , non può durare altrimenti siamo tutti dei co...oni,ma sta gente insegna??? nelle università, poveri noi.Ma il napoletano ogni tanto si sveglia o gli devono suonare il campanello.

    RispondiElimina

Posta un commento