Agenda

Sabato 13 Gennaio 2018, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni, Libreria Ubik – Via Adige 2, Monterotondo (RM) - Ingresso libero

Vince un milione di dollari alla lotteria e non lo sa: ecco chi è

Storie e Notizie N. 1050

Leggo che negli USA gli organizzatori della lotteria Powerball sono alla ricerca del proprietario del biglietto vincitore del premio da 1 milione di dollari, acquistato nel Bronx lo scorso anno. Il “Missing Millionaire” sarà atteso sino a domenica e se non si presenta rimarrà a bocca asciutta.
Chi è il misterioso vincitore? Mille sono le ipotesi considerate.
Eccone una plausibile.
O almeno credo…

Mi chiamo Jeff.
Ma potete chiamarmi anche Tom o Mike.
Tanto non cambia nulla.
Tanto non cambia mai nulla.
Perché qui è tutto uno schifo.
E io non credo più a niente.

No? Ma guardatevi intorno, dico io.
Da dove cominciamo? Dal governo, dai.
Sono tutti dei raccomandati, un magna magna generale che si arricchisce alla faccia dei cittadini.
Ce ne fosse uno che pensi al bene degli elettori, prima promettono e poi si fanno le ville, le barche e le belle donne.
Con i nostri soldi.
Ci spremono con le tasse per pagare la piscina e le macchine di lusso a qualche ministro.
Anzi, no, alla sciacquetta del ministro.
E’ tutto uno schifo, questa è la verità.
E io non credo più a niente.
Al lavoro è lo stesso, eh?
I colleghi pensano solo a se stessi e a far carriera.
E tutti sono pronti a far le scarpe a tutti per guadagnare un punto con il capo.
Eh dai, che è così.
Una manica di infami, questo è quel che trovi in ufficio, oggi.
In ufficio?
Perché sulla metro? Nel traffico? In fila alla posta?
Spinte e calci, una corsa continua ad arrivare primi.
Primo al semaforo, primo a sedersi, primo a scendere.
E gli altri che muoiano tutti.
Dai, che è così.
E’ tutto uno schifo.
E io non credo più a nulla.
Vogliamo parlare di parenti e amici?
Diciamola tutta, allora.
Se ti fai sentire con maniacale continuità, senza mancare mai una ricorrenza, okay, ma appena c’hai i cavoli tuoi, perché succede, ecco che tutti spariscono.
Se ci sei e mi servi, bene, altrimenti ti cancello dalla rubrica, da WhatsApp e da Facebook con un unico clic.
E’ così che fanno tutti, dai.
E non c’è differenza di genere.
Le femmine, quando sono giovani guardano solo quelli belli e quando crescono li continuano a guardare ma poi sposano quelli ricchi, per poi tradirli con i primi.
I maschi tradiscono e basta, con belle o brutte, non fa differenza.
I vecchi, vogliamo parlare dei vecchi?
Ma chi ha costruito questo mondo bastardo?
Sono loro i peggiori, cattivi esempi ambulanti, ignoranti e maleducati.
I bambini sanno solo frignare e rompere tutto.
E gli immigrati? No, dico, con un paese così orrendo ci mettiamo pure ad accogliere la gentaccia che viene da fuori.
E’ tutto uno schifo, lo sapete meglio di me.
E io non credo più a nessuno.
Come quel deficiente di negoziante cinese che un anno fa mi ha convinto a comprare un biglietto della lotteria.
Fesso io che gli ho dato ascolto.
Per fortuna che è stata l’ultima volta.
Da allora mi fido solo di me stesso…
 


Altre da leggere:

Commenti