Uragano Matthew: sotto lo stesso nome

Storie e Notizie N. 1390

L’uragano Matthew è un importante ciclone tropicale che attraversa in questi giorni l'Oceano Atlantico, di recente catalogato come il primo di categoria 5 sin dall'uragano Felix del 2007.
Ha già colpito Haiti, Giamaica, Cuba e Repubblica Dominicana, ed è attualmente diretto verso le isole Bahamas.
Si prevede che raggiungerà in breve anche la zona orientale degli Stati Uniti, in particolare Florida, Georgia, Carolina del Sud, e North Carolina.
Di paesi e popoli.
Diversi…


Sotto lo stesso nome.
Sotto lo stesso nome nasce, vive e se ne va, dissolvendosi all’orizzonte, un’infinità di cose.
Perfino chi non aveva aspirato a tanto.
Ma si è visto mai un uragano chiamato come un umano qualunque? Tra noi uragani, intendo.
Il signor Matthew.
Mi piace, suona bene.
Mi fa sentire importante, come se non fossi soltanto aria, acqua e tutto quel che suscito nel prossimo, come molti tra voi.
Nel mio caso, tutto avrei voluto, fuorché crear timore, angosce, apprensione e, ancor meno, vita che fugge al solo mio pensiero.
Non è colpa mia, dico sempre, eventualmente del tempo, non ci sono più le mezze stagioni, eccetera, ma ormai tali giustificazioni suonano al meglio puerili.
A ogni modo, ciò che mi rende orgoglioso è il lato sottovalutato del ciclone, come lo chiamiamo noi altri.
Sì, perché laddove sotto lo stesso nome vi sia il medesimo, terribile mostro rompi case e frangi vetri e sebbene sconquassi differenti e lontane esistenze, ciò che provoca il mio passaggio andrebbe fermato, come una foto da ricordare.
Sotto lo stesso nome, anch’essa.
Dove la famiglia si chiama famiglia in tutte le lingue…


Uragano Matthew ad Haiti

E dove amicizia è ovunque amicizia…

Uragano Matthew in Giamaica
Dove il coraggio significa sempre e solo coraggio…

Uragano Matthew a Cuba
E dove la solidarietà è parola comune…

Uragano Matthew nella Repubblica Dominicana
Dove la speranza ha valore condiviso…

Isole Bahamas
E dove lo smarrimento è contagioso…

Florida, USA
Ecco, scusate, ma ora devo andare, perché il mio viaggio non è ancora terminato.
Mi aspetta ancora un altro mondo.

Nel quale, malgrado il più delle volte si senta più mondo degli altri, la famiglia e l’amicizia, il coraggio e la solidarietà, la speranza e lo smarrimento.
Sotto lo stesso nome, sono uguali…

Florida, USA


Vieni ad ascoltarmi a teatro, Elisa e il meraviglioso degli oggetti, Sabato 5 Novembre alle 21 al Teatro Planet, Roma.


Leggi anche il racconto della settimana: Siamo come lettere
Leggi altre storie sulla diversità 
Ascolta la mia canzone La libertà
Compra il mio ultimo libro, La truffa dei migranti, Tempesta Editore


Visita le pagine dedicate ai libri:
 

Commenti