Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2016

Pausa invernale

Storie e Notizie si prende una breve pausa.
Prima di salutarvi con la classifica dei pezzi più letti nel 2016, volevo condividere una speranza.
Che le mie parole vi abbiano lasciato qualcosa dentro che sia valso il viaggio.
Che abbiano trovato altrettanto.
E che laddove ci incontreremo di nuovo, qui o altrove, sia sempre per una ragione degna di quel che siamo.
In breve, umani.

Buone feste.

A.

1. Nel fantastico mondo dei mostri al contrario

2. L'uomo sbagliato

3. Deputata inglese uccisa: cosa non leggerai

4. Giungla di Calais: cos'è davvero

5. Giornata mondiale dei diritti umani con i Narratori della pace

6. Paralimpiadi: storia delle silenziose vittorie parallele

7. Primo sindaco musulmano nella mia città

8. Se Trump diventasse presidente

9. Bambino giapponese nel bosco: cosa ho imparato

10. Portiera del Gambia e della Nazionale del mare


Compra il mio ultimo libro, Elisa e il meraviglioso degli oggetti
Leggianche il racconto della settimana:Storia dell'albero del Natale futuro

Storie di guerra: Evacuazione Aleppo non appena possibile

Sottotitolo: La difficile vita di chi racconta storie e notizie
Storie e Notizie N.1420

Un'operazione a lungo attesa per evacuare le persone provenienti dai quartieri assediati a est di Aleppo è cominciata. L'evacuazione è stata inizialmente ritardata dopo che sono giunte notizie che i combattenti del governo siriano avevano aperto il fuoco contro un convoglio che si preparava a lasciare le zone controllate dai ribelli.
Il presidente russo, Putin, e il suo omologo turco, Erdogan, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta nella notte di ieri sollecitando la fine delle violazioni del cessate il fuoco e "riaffermato il loro impegno a iniziare l'evacuazione dei civili e l'opposizione attraverso corridoi sicuri, non appena possibile".
Già, ‘non appena possibile’, come l’azione rapida di cui si parlava ieri.
Nel frattempo le parole scorrono in sovraimpressione sulle miserie trascurabili e cambiano, con i nomi degli attori in cartellone, cambiano e lo faranno anco…

Storie sulla guerra: Genocidio Sudan? Un'azione rapida

Storie e Notizie N. 1419

“Solo un'azione rapida è in grado di scongiurare il genocidio nel Sud del Sudan”, ha dichiarato Ben Quinn, capo della sezione sui diritti umani delle Nazioni Unite.
In occasione del terzo anniversario della guerra civile nel paese più giovane del mondo, mentre non è troppo tardi per evitare l’ecatombe, è necessario un intervento immediato, comprese sanzioni mirate e il dispiegamento di una linea di forza per separare le parti in guerra.


Un’azione rapida?
Prendi il pensiero, veloce per definizione.
E sulla bianca pagina sospesa nella testa disegna uno dei tanti muri che oggigiorno sono grottescamente tornati di moda.
Nel caso ci siano già, se hai trovato il tempo o perso il senno di farli tuoi, ritenendoli cosa degna, forse ho bussato alla porta sbagliata.
O magari no.
Chissà se c’è ancora una possibilità, per te.
Per noi.
Al meglio, per loro.
Cancella, anzi, sposta.
Vedi? Come per i sogni, il problema non sono i muri in sé, bensì il luogo dove hai voluto reali…

Storie di immigrati nell'era glaciale

Storie e Notizie N. 1418

Il leader di estrema destra olandese Geert Wilders è stato riconosciutocolpevole di incitamento alla discriminazione contro i cittadini di origine marocchina in un verdetto che prevede di intensificare il dibattito sulla migrazione nei Paesi Bassi.
Wilders non è il primo e non sarà neppure l’ultimo a ‘sfruttare’ a fini meramente elettivi e di raggiungimento del potere neppure i migranti in sé, piuttosto l’immagine di questi ultimi che alacremente e quotidianamente viene costruita a tavolino dai politici stessi, con la collaborazione di giornalisti servi, vili o semplicemente acchiappa clic.
A dirla tutta, la storia giunge da lontano…

Plic.
Un goccia in terra.

Il mondo vivente è ormai poca cosa, sull’isola di ghiaccio e rimpianti, circondata da gelidi flutti, famelici e senza scrupoli.
Lo Stegosauro bercia comunque, con versi
assordanti, ma sembra far male più alle proprie corde vocali che al prossimo.
Nel mezzo del bianco ritaglio ormai spacciato, un Tirannosau…

Giornata mondiale dei diritti umani 2016 video Narratori per la Pace

Dopo Se di Rudyard Kipling e Imagine, ecco un nuovo video degli Storytellers for Peace (Narratori per la Pace).
La Giornata dei Diritti Umani si celebra ogni anno il 10 dicembre.
Nove narratori provenienti da tutto il mondo raccontano le loro storie sui diritti umani (con sottotitoli in italiano e inglese):




In ordine di apparizione (con traduzione dei vari contributi):

Beatriz Montero (Spagna)
8 ottobre 2016 - Pinto, Madrid, Spagna.
Antonio e María del Carmen, due anziani audiolesi, vengono sfrattati dalla loro casa. Non possono leggere o scrivere.
8 febbraio 2011 - Egitto.
Wael Ghonim, dirigente di Google, è stato arrestato. E’ stato bendato per 12 giorni. Non poteva sentire. Non sapeva cosa stava succedendo.
30 dicembre 2015 - Arabia Saudita.
Una ragazza di 19 anni viene violentata da una banda di sette persone in Arabia Saudita ed è stato condannato a 200 frustate e sei mesi di carcere.
16 novembre 2016 - Mauritania.
I manifestanti in Mauritania hanno chiesto la condanna a morte di un blogger …

Time Trump persona dell’anno e il nostro tempo

Storie e Notizie N. 1417

Per la 90esima volta la rivista Time ha scelto la persona dell’anno, raffigurandola nell’ormai proverbiale copertina, la quale ha avuto maggiore influenza, nel bene e nel male, sugli eventi. Il 2016 è il turno del neo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.
Ma ora, in questo preciso istante, è davvero il tempo (time) di Trump?

E’ il Tempo di Trump, certo che sì.
Tuttavia, per nostra e - guarda un po’ - anche sua fortuna, il tempo con l'iniziale minuscola non è solo una rivista da sfogliare, con cui incartare ogni auspicio disilluso il giorno seguente.
Il tempo non è la foto oggi in copertina e neppure quelle immagini virali di ieri e ieri l’altro.
Quali immagini, mi chiedi? Ecco, appunto.
Cos’è il tempo non è questione da poco, è certo, e non oso affatto azzardarmi a cercare di affrontare l’universale domanda.
Di sicuro, non è di Donald Trump, come non lo è stato di Obama per otto anni.
Non lo è stato di Hitler e neppure di Gandhi, figuriamoci.
Neppure d…

Storie sulla pace: Haiti colera portato da Onu

Storie e Notizie N. 1416

“La preponderanza delle prove consentono di giungere alla conclusione che il personale addetto alla struttura (gestita dai funzionari delle Nazioni Unite) è stato la fonte più probabile.”
Con queste inequivocabili parole il segretario generale dell’ONU, Ban Ki-moon, ha ammesso che sono stati gli impiegati delle Nazioni Unite stesse a portare il colera ad Haiti, a causa del quale sono morte fino 30mila persone

E’ la storia degli equivoci.
Che prima o poi verranno svelati, si spera.
Si spera prima, tra i direttamente.
Interessati.
Così capita di leggere che il colera nella poverissima e sporchissima Haiti ce lo hanno portato loro.
I peacekeepers, i conservatori di pace.
E, aggiungi ora, donatori di malattie.
Equivoco trascritto subito, già, insieme agli altri, sebbene trascurati e il più delle volte, magari quando ti volti per rispondere all’ennesimo richiamo all’ordine di sua maestà il cellulare, addirittura cancellati.
Eppure, da qualche parte, ci dev’esser scr…

Storie sull'ambiente: Migrazioni e cambiamenti climatici

Storie e Notizie N. 1415

Leggo che, secondo figure militari di alto profilo, i cambiamenti climatici renderanno la crisi dei rifugiati inimmaginabile.
Rammentando che il neo presidente del paese più potente e inquinante del mondo, insieme alla Cina, ha fondato la propria campagna elettorale sminuendo il riscaldamento globale e alimentando le fobie nei confronti dei migranti, mi viene in mente una storia…

C’era una volta un mondo diviso.
Un mondo diviso a metà.
In una delle due, la meno affollata, c’era uno.
Uno come molti, magari dal nome che in italiano significa briscola.
Non era il primo e, state a vedere, non sarà
l’ultimo, a sostenere che quella dei cambiamenti climatici è solo una grande balla per spaventare i bravi cittadini dal cuore pratico.
Stagioni cancellate dai vocabolari di ogni lingua parlata e soprattutto sognata, onde assassine figlie di oceani talmente presuntuosi da pretendere di sostituirsi alla terraferma e terraferma che si illude a sua volta di poter fare a meno d…