Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2017

Storie di animali: 300 balene uccise in Giappone

Storie e Notizie N. 1455

In Giappone sono state uccise più di trecento balene durante l’annuale caccia Antartica.
La flotta di baleniere è rientrata venerdì in porto dopo lo sterminio dei mammiferi, mettendo in atto il proprio programma malgrado le critiche da gran parte del mondo.


C’era una volta il coraggio.
Quello di mettersi in trecento contro uno.
In una sfida inevitabilmente impari.
Dove il più imponente, nonché degno di timore e reverenza, è tra i molti.
E il più fragile e incompleto è solo.
E’ inguaribilmente tale, il meschino, sebbene scelga di esserlo in mezzo a un universo di colori e forme.
Eppure l’inaspettato accade e costui ha la meglio.
Sui molti, in genere su tutti.
Di solito vince e stravince, umiliando l’avversario.
Estinguendone respiro e prospettive.
Tuttavia, l’errore si cela dove meno te l’aspetti.
L’incipit è bugiardo.
Perché malgrado le apparenze, non v’è traccia di ardimento in questa storia.
Allora, c’era una volta la forza.
Quella di ergersi e tuffarsi nella…

Storie sui diritti umani: vittorie del futuro

Storie e Notizie N. 1454

La Prima Nazione dei Sinixt, popolazione indigena del Canada, ha finalmente vinto, è stata ufficialmente riconosciuta.
Forse il termine "finalmente" non è proprio esatto, poiché l’ultimo membro dei Sinixt canadese fu Annie Joseph ed è deceduta nel 1950. Difatti, dal quel momento il governo dichiarò la popolazione autoctona ormai estinta.
Trattasi quindi di un’ennesima vittoria del futuro…


Il disegno è nudo.
Ecco, spero ora sia chiaro.
Svelato l’arcano, il fenomeno è ormai alla luce del sole, evidente nella sua tenera malinconia, ma non per questo ci fermiamo.
Non per questo torneremo indietro.
Adesso è comprensibile il nostro perseverare nel fissare perennemente l’orizzonte.
Attraversandolo con occhi affilati e affamati di respiro.
Non più affannato, non più impaurito.
Adesso sapete perché ci svegliamo per primi e non andiamo mai a dormire.
Adesso è evidente perché sgraniamo gli occhi innanzi alla normalità.
In questo momento ogni sacrificio apparente…

Storie di razzismo viste da lontano

Storie e Notizie N. 1453

Il ministro degli Esteri indiano ha condannato pubblicamente gli scontri “razziali” verso studenti africani nei pressi di Delhi di questa settimana. Tra le vittime una ragazza keniota, la quale racconta di esser stata trascinata giù da un risciò e malmenata da un gruppo di uomini.

C’erano una volta te, loro e gli altri.
Dove te siamo noi, tanti, talvolta troppi.
Dove loro sembrano sempre tali, perfino nel caso si tratti di uno solo.
E dove gli altri sono semplicemente gli altri.
Tutto fuorché noi.
Te e io.
Dicevo, c’erano una volta, già.
Ne parlammo, ne scrivemmo e, soprattutto, ne leggemmo e ne vedemmo delle brutte.
Unicamente belle e più che mai proficue solo per i parassiti di sfortune legalizzate, i quali vedono levare in alto le proprie torbide azioni qualora gli ultimi di questo mondo scendano tristemente di gradino nella scala di umana comprensione.
La storia più comune è semplice, sebbene le parole, per quanto illuminate, e le immagini, financo suggestive…

Storie con morale: Il compleanno di Europa

Storie e Notizie N. 1452

Il trattato che diede ufficialmente vita alla Comunità Economica Europea è l’accordo internazionale che ha istituito la CEE, antenata dell’attuale Unione Europea.
È stato firmato il 25 marzo 1957 e domani compirà sessant’anni.
E’ l’ennesimo genetliaco del vecchio continente, ovvero un mosaico di parole e linee più o meno marcate sulla mappa, amato e idealizzato, quanto detestato e addirittura odiato, soprattutto nell’ultimo decennio.
Un disegno complicato, quindi…


Europa.
Europa è come un disegno.
E un disegno è come il sogno di un bambino.
Che sogna di un disegno e di se stesso intento nel gioco.
Passatempo serissimo e cruciale, come di norma vien vissuto dalle imberbi creature di questo mondo, malgrado la scarsa memoria delle più attempate.
Il piccolo è seduto in terra, nella sua cameretta, con le gambe incrociate.
Il capo chino sul pavimento e le forme varie chiamate giocattoli.
Ovvero, come li definiscono i cosiddetti grandi.
Ci avete fatto caso, vero?
I sol…

Storie per riflettere: i due attentati

Storie e Notizie N. 1451

C’erano una volta due attentati.
Terroristici entrambi.
Ovvero potenzialmente capaci di terrorizzare vite e sguardi, presenti e futuri.
Tutti e due avvenuti il ventidue marzo del 2017.
Tuttavia, come sovente accade per tutto quel che compone la nostra comune storia, vi sono differenze più o meno rilevanti.
In uno sono morte cinque persone e ne sono state ferite almeno quaranta.
Nell’altro ne sono decedute trentatré, nessuno è sopravvissuto.
Nel primo pare che l’attentatore sia uno solo.
Nel secondo sono molti di più, malgrado sembri essere unico il dito che preme il maledetto pulsante.
Per uno è già apparsa e ben diffusa la consueta rivendicazione, con tutte le congetture del caso.
Nell’altro non occorre, poiché il colpevole è ben visibile sotto gli occhi di tutti.
Forse troppo.
Il primo è cosa orribile ed è naturale addolorarsi, giusto indignarsi e necessario approfondire i fatti tra le ombre.
Il secondo è altrettanto orrendo e – condizionale tutt’altro obbligat…

Storie sull’ambiente: la giornata dell’acqua

Storie e Notizie N. 1450

Un recente rapporto dell’Unicef dichiara che il cambiamento climatico e i conflitti stanno intensificando i rischi per i bambini di vivere senza acqua a sufficienza, e che i più poveri soffriranno sempre di più.
L’Ong WaterAid chiede ai leader internazionali e nazionali di mantenere le promesse di soddisfare gli obiettivi per uno sviluppo sostenibile, compreso quello di garantire a tutti l'accesso all'acqua potabile e ai servizi igienici.


C’era una volta la giornata dell’acqua.
La sua festa, ovvero il suo compleanno e il suo onomastico tutti insieme.
Oggi la sala è gremita, ci sono tutti.
O quasi, come spesso capita.
Trattasi di salone per i festeggiamenti particolare, poiché non vi sono pareti e soffitti, cavi elettrici e intercapedini, infissi vari e altre diavolerie umane.
Perché alla fine di tutto comporterebbe uno spreco di tempo e il tempo non è denaro, da queste parti.
E’ molto di più.
E’ acqua.
Anzi, è il tempo dell’acqua.
Lo è oggi e forse lo è…

Storie con morale: l’esempio del castoro

Storie e Notizie N. 1449

La sconfitta del populismo xenofobo è andata in scena alle recenti elezioni in Olanda.
Dopo Brexit e Trump, e in vista delle consultazioni chiave in Francia e Germania, tale voto è stato ritenuto da molti come un test per le forze populiste in tutto l'Occidente.
Gli elettori olandesi hanno voltato le spalle all'estremismo, magari dimostrando valido l’esempio del castoro…


“Quanto dev’esser forte, la diga?” chiede il fratello minore.
“Quanto e più del fiume”, risponde l’altro.
“E quanto è forte il fiume?” domanda il primo.
“Come recita un antico detto montanaro…”
“Ancora con i proverbi, fratello?”
“Sì, ancora con i proverbi, finché saranno validi.”
“Vai, allora, spara, sono tutto denti.”
“Orecchi, caso mai.”
“Perdonami, è tutto il giorno che rosicchiamo, qua, continua con il motto.”
“Dicevo, come recita un antico detto montanaro, non chiedere al fiume quanto sia forte, ma piuttosto…”
“Piuttosto?”
“Non mi ricordo come prosegue, scusa, dev’essere l’età.”
“Ma…

Storie sui diritti umani: il giorno del fiume

Storie e Notizie N. 1448

La Nuova Zelanda ha deciso di concedere a un fiume sacro gli stessi diritti legali attribuiti a un essere umano.
Dopo 140 anni di negoziati, una tribù Maori ottiene il riconoscimento per il fiume Whanganui. Ciò comporta, da ora in poi, che quest’ultimo dovrà essere trattato come una persona.


Il giorno del fiume.
Così lo vogliamo chiamare, così lo vogliamo ricordare.
Oggi è una data storica, la più importante della sua storia, la prima, quella che dona sopravvivenza a tutte le altre.
Ci sono voluti quarant’anni dopo altri cento per vederla rispettata.
L’eccezionale, insperata e sofferta.
Normalità.
Il giorno del fiume è il nostro giorno.
E le ragioni sono innumerevoli, vostro onore o anche disonore, tanto è uguale.
Tanto la festa è già iniziata e siamo già tutti in piazza a esultare.
Siamo figli del fiume, siamo composti d’acqua e speranza quasi nella totalità, perché la carne è esile e le ossa fragili, ma è torrente impetuoso quello che ci sospinge, malgrado le …

Storie d'amore: finché non ci separi

Storie e Notizie N. 1447

Una coppia di giovani dello Yemen, in procinto di riunirsi negli Stati Uniti, possono ritrovarsi di nuovo divisi a causa del bando sull’immigrazione per (alcuni) paesi islamici del presidente Trump.
Temono di avere ancora solo ventiquattro ore.
In attesa del colloquio finale per la cittadinanza, Nagi Ali e Arwa al-Abili sono stati separati da più di quattordicimila chilometri e ora si trovano in una sorta di limbo sospeso fino a giovedì, quando il bando entrerà in vigore
.

Finché morte non ci separi, recita il verso.
Eppure non la dice tutta.
Poiché Arwa afferma che per sempre non è mai
promesso per caso.
No, non lo è, spiega con la sua immancabile pazienza.
Può esserlo per le cose inanimate, in quanto dipendenti dalla volubilità dell’uso e dal capriccio del tempo.
Può esserlo altresì per gli animali, laddove la naturale selezione ne agevoli l’esistenza e, soprattutto, le sottovalutate mutazioni ne garantiscano la sopravvivenza.
Perché, non guasta mai ripeterlo, …

World Storytelling Day 2017 Video degli Storytellers for Peace

World Storytelling Day 2017
"Trasformazione"

Dopo i video sulla poesia Se di Rudyard Kipling, Imaginee sulla Giornata mondiale dei diritti umani, ecco il nuovo lavoro degli Storytellers for Peace (Narratori per la Pace).
Il World Storytelling Day (Giornata mondiale dedicata all’arte del raccontare storie) è un evento celebrato ogni anno in tutto il mondo intorno al 20 di marzo.
Quest'anno il tema è la trasformazione.
Abbiamo quindi cercato di rispondere a questa domanda: come possono la scrittura e il raccontare storie trasformare il mondo in un posto migliore?
Dodici narratori provenienti da dieci paesi diversi ci danno le loro risposte (video con sottotitoli selezionabili in italiano e inglese):




In ordine di apparizione:

Le storie ci aiutano a crescere. Ci guariscono e fanno lo stesso con le nostre ferite. Le favole ci hanno insegnato che durante la vita possiamo incontrare lupi feroci. E alcuni lupi saranno in grado di abbattere molte case, ma non tutte. E che anche alcuni lu…

Storie di migranti: la statua di un re

Storie e Notizie N. 1446

Archeologi provenienti da Egitto e Germania hanno rinvenuto una statua di otto metri immersa nelle acque sotterranee di una baraccopoli al Cairo.
Sostengono altresì che probabilmente raffiguri il faraone Ramses II, il quale governò l'Egitto più di 3000 anni fa.
Nello stesso tempo e in un futuro prossimo, nella mia ingenua testolina, un bambino e il suo papà giocano insieme sulla spiaggia di un’isola a nord delle sventure del mondo…


“Papà”, fa il piccolo. “Facciamo una buca?”
“Certo”, risponde l’uomo, il quale tenta di assopirsi disteso sul telo da mare, stanco della faticosa settimana lavorativa e speranzoso di
approfittare al meglio della fine di quest’ultima per ritrovare le forze. “Comincia tu.”
Si sa, laddove il gioco sia appagante e ricolmo di sorprese, è raro che un bimbo si rifiuti di dare il via alle danze.
Il tempo passa, mentre egli scava, con la paletta prima e con le mani poi. E procede soprattutto con queste ultime, perché, per sua fortuna, si …