Scajola Bertolaso Storace Verdini e il partito dell’amore

English

Storie e Notizie N. 175

Il 2010 si presenta come un anno difficile per il PdL.
Il 10 febbraio Guido Bertolaso riceve un avviso di garanzia. Per l'accusa, l’eroe Berlusconiano, insieme a molti imprenditori e altri componenti della Protezione Civile, avrebbe accettato favori sessuali in cambio di appalti.
Il 4 maggio Claudio Scajola lascia l’incarico di ministro dello sviluppo economico in seguito allo scandalo della casa da lui acquistata con il contributo in nero di provenienze a dir poco sospette.
Il 5 maggio Francesco Storace è stato condannato ad un anno e sei mesi di reclusione per il caso Laziogate. Secondo l'accusa, Storace – a quei tempi ministro della salute del terzo governo Berlusconi - avrebbe chiesto ai suoi tecnici di introdursi illegalmente all'interno dell'anagrafe di Roma.
E’ di oggi, 6 maggio, la notizia delle indagini in corso nei confronti di Denis Verdini, coordinatore nazionale del Popolo della Libertà, reo di aver fatto parte di un comitato d'affari che avrebbe gestito degli appalti pubblici in maniera illecita in Sardegna.
Che volete farci, è il destino del partito dell’amore…
La Storia:

Eccoci, siamo il partito dell’amore.
L’amore è l’unica cosa che conta per noi.
Per l’amore siamo disposti a tutto.
L’amore, solo l’amore guida le nostre azioni.
L’amore per le donne, tutte le donne, di ogni colore e provenienza, soprattutto di ogni età.
Siamo disposti a qualsiasi cosa, persino a tradire le nostre mogli per l’amore di un’altra donna.
Perché il nostro amore è grande e una sola non è sufficiente.
Ama e fa ciò che vuoi, ci dice sempre Berlusconi.
Sì, i libri di storia raccontano che l’abbia detto prima Sant’Agostino, ma dateci tempo e correggeremo anche questo.
Lo faremo per amore, perché l’amore è il senso della nostra vita, l’amore per ogni cosa.
Come l’amore per la casa.
Una casa grande, con stanze grandi, in un palazzo grande proprio quanto il nostro amore.
Eh, capirete che tutto questo amore andrebbe sprecato in un monolocale, per giunta in periferia.
Il nostro amore merita di brillare al centro della città, in alto, visibile da tutti e per far ciò occorre salire su, su, sempre più su, ad ogni costo.
Per questo abbiamo bisogno dell’aiuto di tanti amici, della loro solidarietà nei momenti difficili e dei loro preziosi doni.
Regali disinteressati, che per questa ragione devono rimanere anonimi.
Altrimenti, tutto verrebbe svilito e perderebbe la sua meravigliosa purezza.
Non possiamo permetterlo.
Perché noi amiamo il nostro amore.
Senza il nostro amore non avremmo combinato nulla nella vita.
Senza il nostro amore non saremmo qui, ora,
Ma soprattutto, senza il vostro amore, non avremmo potuto amarci tra di noi e di conseguenza amare voi.
E’ solo l’amore che ci unisce tutti.
Se l’amore finisce, non resta che dimettersi…



Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.

Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

Commenti

  1. Come ho scritto da un'altra parte "chi è causa del suo peccato pianga se stesso". Chi ha mandato a governare queste persone? La maggioranza degli italiani. Dobbiamo mandare a scuola in un prossimo futuro gli italiani che si accingeranno a votare i prossimi governi, per imparare cosa devono guardare nei futuri parlamentari per dare loro il voto, perché oggi non lo sanno fare e non sanno più (e forse non lo hanno mai saputo fare)scandalizzarsi per un'azione di corruzione. Per loro che non sanno nemmeno fare la differenza tra furbo e disonesto, quello che fanno questi parlamentari fa parte della vita normale. E questo è un enorme male. Ecco perché l'italiano va rieducato se vogliamo an- cora avere una speranza, altrimenti continuerà lo stillicidio di questa politica così degradata e vergognosa. Alfred

    RispondiElimina
  2. Concordo pienamente con te Alfred. Oltretutto i dati ufficiali delle ultime due tornate di elezioni dicono che non è neppure la maggioranza degli Italiani che ha votato questi signori...

    RispondiElimina

Posta un commento