Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2020

Io che posso respirare

Storie e Notizie N. 1876 I can’t breathe , io non posso respirare . Perché non ci riesco e perché qualcuno ha deciso, giudicato e sentenziato che la mia vita è giunta al termine. Può accadere così, ora, ma non da un momento all’altro, poiché non v’è alcunché di estemporaneo e singolare, in tale misfatto legalizzato e generalmente tollerato. I cannot breathe , io non posso respirare , sono state le ultime parole di George Floyd su questa terra. Ma - ahi loro, tutti, nessuno escluso – non è stato il primo e non sarà di certo l’ultimo a venire ammazzato impunemente, in barba a ogni decenza umana, ancor prima che fondamento giuridico. I can’t breathe , io non posso respirare , è altresì un virale quanto appassionato hashtag del giorno dopo, #icantbreathe , con cui sfogare sdegno e reclamar giustizia sulla digitale lavagna collettiva. I can’t breathe , io non posso respirare - che diventa noi non possiamo subire ancora senza reagire - è anche l’ urlo rabbioso di una por

Sotto la mascherina e oltre

Storie e Notizie N. 1875 C’era una volta Cox’s Bazar , una città sulla costa del Bangladesh meridionale, un porto dedito alla pesca, un centro turistico e una località di mare, la cui spiaggia è nota per essere tra le più incontaminate al mondo. Sotto l’egida da sempre della seconda città dello Stato, ovvero Chittagong - ma a tutt’oggi solo dal punto di vista amministrativo - Cox’s Bazar fu terra di conquista di molti, dai Tripuri ai sovrani di Rakhine, sino ad arrivare agli invasori stranieri, come portoghesi e britannici. All’ultima di siffatte ruberie, camuffate dagli stessi colpevoli e dalla Storia complice sotto forma di innocua impresa commerciale, si deve il nome. Ovverosia, il mercato del capitano Hiram Cox , incaricato di gestire il possedimento coloniale. Come volevasi dimostrare, c’è ben altro da scoprire sotto la maschera e oltre. E siamo solo all’inizio. Difatti, facendo un balzo nel tempo eccoci alla città nascosta nella città rubata, suddivisa tra il campo di Kut

La salute è ricchezza

La salute è un diritto, la salute è tutto, la salute è la cosa più importante della vita, la salute è un bene prezioso, la salute è la prima cosa. La salute è ricchezza... Storie e Notizie N. 1874 C’era una volta la salute . C’era e, per buona sorte di chi può goderne, c’è ancora. Per tutti gli altri, forse potrà esserci in futuro, ma non per sempre e anche su questo dovremmo soffermarci ogni tanto a riflettere. A dire il vero, sarebbe opportuno tenere a mente ogni giorno ciò che ci accomuna tutti, che riguarda ciascun individuo a prescindere da qualsiasi cosa. Tra i vari benefici di tale virtuosa pratica, se non altro, non perderemmo il tempo e il senno a dividerci, invece che incontrarci. Ecco, la salute è così, esattamente come l’attuale virus che la sta aggredendo nel mondo. È una questione globale, nella quale tutti siamo connessi. In ultima analisi, funziona un po’ come la felicità; sta lì, lassù, lasciandosi ammirare, e noi altri con le dita protese augurandoci non so

Nel limbo dei migranti

Storie e Notizie N. 1873 Salute a te, pianeta terra. Qui Limbo , ma tu leggi pure come un luogo solo in apparenza – o per consapevole indifferenza – lontano. Lì, tra le crepe invisibili dell’umana decenza; laggiù, là sotto, o se preferisci di lato rispetto agli orizzonti maggiormente convenienti, noi siamo ancora vivi. Malgrado tutto e tutti. Nonostante la percezione dell’esistenza si sia deteriorata nel tempo a tal punto che la comunque detestabile accezione di una mera sopravvivenza è oramai solo un ricordo. Da cui, facciamo leva sulle uniche certezze rimaste: il cuore che batte, sebbene a ogni rintocco si domandi se sia il caso di continuare a bussare alle porte del mondo; l’aria che invade i polmoni, benché - conscia di quanto poco ossigeno pulito contiene - abbia iniziato perfino lei a provar compassione per noi altri; e la nostra lacerata ma indomita immaginazione che persiste nello scrutare l’universo circostante alla ricerca di quella fantomatica stella chiamata umanit