Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2021

Il tribunale del tempo

Storie e Notizie N. 1940 A oggi, due miliardi di esseri umani vivono in paesi con un'elevata esposizione ai rischi legati al clima . L'UNHCR, l' agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati , stima che ogni anno 21,5 milioni di persone si ritrovano senza casa per colpa del cambiamento climatico . Due milioni sono morte a causa di un aumento di ben cinque volte dei disastri legati al clima e il 90% di questi decessi sono avvenuti in paesi in via di sviluppo . Di conseguenza, la crisi climatica sta distruggendo i diritti umani di chi ne è meno responsabile . Il diritto alla vita , alla libertà , alla sicurezza , che la maggior parte di noi da per scontati. È così che l'esistenza dei giovani e delle generazioni future è ora divenuta la posta in gioco nei tribunali. I contenziosi sul clima sono in crescente aumento. Secondo l'ultima verifica, attualmente ci sono più di 1.800 cause legali in sospeso in dozzine di paesi del mondo, ricchi e poveri. Ciò che segue

Salvini è razzista mi sa

Storie e Notizie N. 1939 Oh, mi sa che ho scoperto una cosa forte. Sono emozionato, perché credo che non ci era arrivato nessuno prima: Salvini è razzista . Mi sa, eh? Ma giudicate voi. Avete presente la recentissima sgradevole vicenda del suo ormai ex responsabile della comunicazione Luca Morisi? Non voglio tirare in ballo a conferma di ciò che affermo l’episodio del citofono , perché l’hanno già fatto in molti. Piuttosto vorrei avvalermi delle sue esatte parole , le quali a mio modesto parere sono una vera è propria confessione da mettere agli atti, vostro onore. Il nostro le ha pronunciate quest’oggi in quel di Milano parlando alla stampa. Riferendosi a un’immagine di degrado, ha dichiarato: “ Questo per me è uno scandalo, la vita privata di un cittadino italiano (parlando del suo ex megafono digitale Luca Morisi caduto in disgrazia) no .” Eh, be’, scusate, ma quando si tratta di cittadini stranieri , possibilmente dalla pelle scura o di fede islamica , sì? Che dire della vita

Sottomarini nucleari francesi crisi risolta con un tema

Storie e Notizie N. 1938 USA, Regno Unito e Australia hanno stipulato un patto militare per contrastare la Cina nella sua espansione strategica nel Pacifico. Si chiama banalmente AUKUS, ovvero Australia, Uk e USA. Una delle prime azioni, conseguenza di tale accordo, consiste nel recente sgarbo ai danni della Francia, i quali si aspettavano di incassare miliardi di dollari dalla vendita di ben 12 sottomarini nucleari agli australiani. In breve, clamoroso voltafaccia di questi ultimi e inevitabile incazzatura con ripercussioni politiche, belliche, economiche e diplomatiche da parte dei francesi. Tuttavia, una domanda mi è sorta spontanea: ma che cappero sono i sottomarini nucleari? Da quanto ho capito, si chiamano così perché hanno un motore alimentato da un reattore nucleare, il quale li fa andare più veloci, possono stare più tempo sott’acqua e, soprattutto, non è facile individuarli con i vari sonar e compagnia scandagliante. Nondimeno, la vera chicca, si fa per dire, è che sono in g

Food Systems Summit 2021: la soluzione del colpevole

Storie e Notizie N. 1937 Il Food Systems Summit, evento organizzato dalle Nazioni Unite, avrà luogo oggi e domani. Sono circa 90 i leader mondiali invitati a partecipare al vertice di New York, con almeno 130 paesi che faranno promesse su questioni come pasti scolastici gratuiti, riduzione degli sprechi del cibo, il mangiare sano, la raccolta incondizionata dei dati anagrafici e l’estrazione del carbonio. Contestualmente, migliaia di piccoli agricoltori e comunità indigene, che producono il 70% del cibo mondiale attraverso l'agricoltura sostenibile, si sono ritirati dal summit e lo stanno boicottando : “Respingiamo la colonizzazione aziendale in corso da parte dei sistemi alimentari e della governance alimentare sotto la facciata del vertice delle Nazioni Unite... la lotta per sistemi alimentari sostenibili, giusti e sani non può essere sganciato dalle realtà dei popoli i cui diritti, conoscenze e mezzi di sussistenza non sono stati riconosciuti e rispettati.” Uno dei fattori magg

Video agenti che frustano migranti per conto di chi

Storie e Notizie N. 1936 Il video degli agenti a cavallo che negli USA, al confine con il Messico, allontanano con violenza, addirittura con delle frustate, i profughi haitiani è diventato di recente virale ed è stato pubblicato dalla maggior parte della stampa mondiale, anche nostrana . Diciamola tutta, pure stavolta, malgrado a mio modesto parere. Ci provo, comunque. Mettiamo che io sia uno di quei solerti servitori dello stato , sceso in campo, ovvero a cavallo giustappunto per servire e proteggere i cittadini. Immaginiamo che ora parli anche a nome di tutti coloro che ovunque, anche in Italia, in divisa o meno, sono lì fuori a farsi muro , tra la patria e gli altri , a proteggere gli interessi della prima da quelli di questi ultimi. Voi mi pagate, è per voi che lavoro, è per voi, solo per voi, che servo e proteggo. È per voi che, se il caso lo richiede, allontano e sì, frusto , eccome se frusto. Altrimenti, perché me l’avete data la frusta? Per il cavallo? E poi chi li sente que

Appartengo a una cultura

Storie e Notizie N. 1935 Libero adattamento di I belong to a culture , tratto dall'opera teatrale The Normal Heart , di Larry Kramer : Appartengo a una cultura che include Mansa Musa I del Mali , l’uomo più ricco della storia, la regina guerriera Nzinga di Ndongo e Matamba , Alessandro De Medici principe di Firenze, Abram Petrovič Gannibal , che portato in Russia come schiavo per Pietro il Grande divenne maggiore, generale del Genio militare, governatore di Reval e nobile dell'Impero, Blanche Bruce , il quale anch’egli reso schiavo cambiò il suo destino con le sue mani e divenne il primo senatore nero a restare in carica negli USA per tutto il suo mandato, Vicente Guerrero , il primo presidente nero nelle Americhe cento ottanta anni prima di Obama, Yasuke , pure lui deportato come schiavo in Giappone diventando poi un celebre samurai. Ma anche Martin Luther King , lo stesso Barack Obama , Malcom X , Nelson Mandela , Bob Marley , Harriet Tubman , Stephen Biko . Per non parlare

The Facebook Files Wall Street Journal: responsabilità diretta e indiretta

Storie e Notizie N. 1934 Tra le notizie di oggi spicca l’ennesima conferma di quanto Facebook e anche Instagram facciano danni a ciascuno di noi in ogni istante, ambito e luogo. Mi riferisco alla pubblicazione da parte del Wall Street Journal di una lodevole inchiesta, The Facebook Files , la quale è basata su documenti interni al noto Social Network. In breve, nel primo capitolo il giornalista Jeff Horwitz scrive che Facebook afferma che le sue regole si applicano a tutti. Tuttavia, i report analizzati dimostrano che in privato l'azienda ha costruito un sistema che ha esentato gli utenti di alto profilo da alcune o tutte le sue normative. Molti di costoro abusano del privilegio, pubblicando materiale che include molestie e incitamento alla violenza che di solito porterebbero a sanzioni, ma nessuna nel loro caso. Nel secondo, lo stesso Jeff Horwitz, insieme alle colleghe Georgia Wells e Deepa Seetharaman , ci dicono che i ricercatori di Facebook studiano da anni come Instagram ,

Conflitti interferenze e punti di vista ai tempi del Covid e del Green Pass

Storie e Notizie N. 1933 L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito poche ore fa che l'Africa è stata lasciata indietro rispetto al resto del mondo a causa della disuguaglianza della distribuzione dei vaccini. Di seguito, prospettive differenti, tra sterili conflitti atavici sotto forma di dialogo costruttivo e le altrettanto inascoltate richieste d’aiuto nelle vesti di interferenze. Ispirato da un reale, recente scambio di vedute... “Ciao, è un po’ che non ci sentiamo. Come va? Io mi sono vaccinato e tu?” “Io no, ma non chiamarmi no-vax , non confondiamo.” In Sudan si è potuto vaccinare solo lo 0,8%…   “Certo, scusami anzi. Ma perché non ti sei ancora vaccinato?” “Se ti dicessi che ho problemi di salute che non mi permettono di farlo?” “Be’, ti capirei, è chiaro. Che problemi hai, a proposito?” In Etiopia va meglio, vai! Lo 0,9%… “E se ti dicessi che non mi fido delle case farmaceutiche, con tutti gli impicci che fanno per guadagnare miliardi sulla pelle della gente?

I civili parte seconda: gli attentati in Afghanistan dal 2001 al ritiro USA

Storie e Notizie N. 1932 Seconda parte del post I civili : Un giovane barra apprendista slash ottimista aka ingenuo alle prime pagine, più che armi, anzi il contrario, ha la (s)fortuna di praticantare nella redazione di un vero giornale che desidera pubblicare reali notizie per informare sul serio i cittadini. Nel suo primo giorno ha un breve colloquio con la direttrice della testata, una donna con gli anni sulle spalle, ma ancora tanta luce negli occhi. Soprattutto con sopravvissuta pazienza, malgrado i graffi del tempo: “Di cosa ti vuoi occupare, ragazzo?” domanda la nostra. “Be’, partirei dall’attualità”, risponde il novellino. “Non si sbaglia mai, dice sempre il mio babbo.” “Un collega?” “Quasi, fa l’edicolante.” La tipa assottiglia lo sguardo e lo squadra tra l’incuriosito e il perplesso, ma al contempo si dice che è ancora presto per esprimere giudizi. “E quale argomento vorresti trattare tra quelli più attuali?” “Be’, penso che a parte il Covid e il Green Pass, la situazione i

Imagine John Lennon 50 anni dopo una lettera

Storie e Notizie N. 1931 Caro John Lennon, ti scrivo. Ovvero, immagino di farlo, che mi sembra più rispettoso e soprattutto coerente con l’argomento di questa mia. Mi sono permesso il caro , nel senso di prezioso, ma ho incluso anche il cognome per comprovare la mia sincera stima e profonda ammirazione con il necessario riguardo. Sono trascorsi circa quarant’anni dalla tua prematura scomparsa e, come spesso mi capita, qualora mi ritrovi innanzi alle note biografiche di nostri simili virtuosamente degni del ricordo dei più, mi soffermo a immaginare quanti altri doni avrebbero potuto lasciare al mondo che resta se solo fossero vissuti ancora. Anche solo un anno in più. Ma che dico? Un mese, addirittura un giorno. Come quello di cinquant’anni addietro che, a quanto ho letto, ti è stato sufficiente per buttar giù, anzi su , i versi di uno dei tuoi brani maggiormente celebri, tra i più belli della storia della musica leggera, a detta di molti. Mi riferisco, non a caso, è chiaro, a Imagine

I civili

Storie e Notizie N. 1930 C’erano una volta i civili. Ma chi sono i civili ? Non i soldati e guerriglieri, gli aggressori e ribelli, gli attentatori e le forze anti terroriste, i piloti e i pilotati, i comandanti e gli obbedienti, i funzionari sotto la luce del sole e quelli di cui non sapremo mai nulla, neppure quando non vi sarà più alcunché da perdere per ogni fazione in campo. I civili siamo noi tutti, d’altra parte, che usciamo di casa senza alcuna divisa o, alla fine della parata, più che la fiera, quando ce la togliamo e tutto diventa più vero, onesto, chiaro. Non è per le sorti dei civili che i non civili danno inizio o mettono fine alle guerre? Non è per servire e proteggere i civili che si estrae l’arma e spesso si sbaglia mira? Non è per loro che in molti, a coscienze alterne, si commuovono innanzi a immagini drammatiche e drammatizzazioni di vicende ben più tragiche nella realtà di come vengono raccontate? Ebbene, parliamo dei civili, allora. Raccontiamo, certo, ma come ogni