28.6.12

Hugh Grant Berlusconi pericolo per democrazia video

Storie e Notizie N. 615

Hugh Grant: "Come il caso dell'Italia e Berlusconi. E' l'esempio del pericolo dovuto al troppo controllo dei media, è terrificante: da una parte lo Stato che controlla i Media e dall'altro i Media che controllano lo Stato..."




Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed


26.6.12

Science it's a girl thing video parodia

Storie e Notizie N. 613

Leggo che lo spot dell'Unione Europea che, secondo gli autori, avrebbe dovuto invogliare il gentil sesso ad intraprendere una carriera nel mondo della scienza, è stato ritirato. Ci credo, visto l'evidente natura sessista della clip incriminata.
Ad ogni modo, non ho potuto evitare di farne una parodia:





Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed


25.6.12

Polizia picchia donna Tel Aviv video protesta sociale

Storie e Notizie N. 612

Ieri, a Tel Aviv, durante la manifestazione di protesta per una maggiore giustizia sociale in Israele una donna di 24 anni, Maya Gorkin, è stata aggredita dalla polizia, mentre chiedeva semplicemente spiegazioni sull'arresto del fidanzato.
Come disse Asimov, la violenza è l'ultimo rifugio dell'incompetente:




Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed


21.6.12

Bus donna insultata da studenti piange video

Storie e Notizie N. 611

Su un autobus di New York una donna anziana di nome Karen Klein viene ripresa dal monitor del mezzo mentre alcuni studenti adolescenti la deridono, chiamandola grassa e insultandola con altri epiteti, fino a farla piangere. Capisco che sia politicamente scorretto, ma alla fine del video propongo una soluzione altamente gratificante:




Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed


20.6.12

Candidato repubblicano: olocausto colpa controllo delle armi

Storie e Notizie N. 610

Anche a sinistra vi sono personaggi bizzarri, ma perché solo da destra emergono quelli più inquietanti?
Il candidato repubblicano al congresso Samuel Wurzelbacher - detto Joe the plumber (l'idraulico) sostiene, nel video da me parodiato qui di seguito, che sia il genocidio degli Armeni quanto l'olocausto in Germania sono avvenuti perché i cittadini non avevano libero accesso alle armi...




Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed


19.6.12

Balotelli zittito da Bonucci video

Storie e Notizie N. 609

Premettendo che Mario Balotelli fa di tutto per rendersi antipatico ai più - e sui vari motivi ho già scritto qui... - certe volte, per capire meglio le reazioni degli altri, dovremmo metterci nei loro panni:




Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed


15.6.12

Blocco striscia di gaza: cinque anni di violazioni Israele

Storie e Notizie N. 607

Cinquanta gruppi umanitari internazionali e le agenzie delle Nazioni Unite hanno esortato ieri Israele ad aprire i confini di Gaza, dichiarando che il suo blocco di frontiera viola il diritto internazionale e danneggia indiscriminatamente 1,6 milioni di persone (Fonte New York Times).
Il video:




Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed


14.6.12

Euro 2012 scontri tifosi russi polacchi video

Storie e Notizie N.  606

L'importante non è vincere, ma partecipare. De Coubertin si riferiva alla partita, però, mica agli scontri...




Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed


13.6.12

Cassano omosessuali Nazionale: video choc verità

Storie e Notizie N. 605

In ognuno di noi, attraverso tutta la vita, la libido normalmente oscilla tra l'oggetto maschile e quello femminile. (Sigmund Freud)




Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed


12.6.12

Dio è gay

Storie e Notizie N. 604

Ben lungi dal voler risultare blasfemo e con il solo intento di riflettere sul tema da un altro punto di vista, mi accingo con estrema cautela a raccontare questa storia.
Mettiamo caso che le cose siano andate in modo diverso, su questa terra e soprattutto in cielo.
In altre parole, supponiamo che in questo mondo alternativo la religione cattolica sia differente.
Non tanto, solo di poco.
Immaginiamo che il Dio dei cristiani sia omosessuale, che suo figlio Gesù sia anch’egli omosessuale e così anche la vergine Maria.
Tutti gay, i santi, i profeti e gli apostoli.
Mettiamo caso, altresì, che la chiesa cattolica e tutti coloro che ad essa si affidano con devozione ritengano il matrimonio e il rapporto omosessuale come l’unico vero atto naturale.
Aggiungiamo quindi, facendo un ulteriore sforzo di fantasia, che costoro considerino l’adozione omosessuale come la sola retta modalità procreativa, definendo la nascita quale frutto dell’unione di individui di sesso differente come uno sgradevole incidente.
In sintesi, capovolgiamo la realtà in maniera radicale.
Ecco, adesso facciamo due esperimenti.
Primo, immaginiamo di vivere in questa particolare società come omosessuali e cattolici.
Come reagiremmo ad un uomo e una donna che si baciano in strada? Come valuteremmo il loro eventuale intento di sposarsi? E come giudicheremmo il loro desiderio di mettere al mondo un figlio?
Secondo, supponiamo di nascere in questo alieno mondo come etero.
Uomini o donne, saremmo fisicamente attratti dalle persone del sesso opposto.
Prima o poi potremmo innamorarci di una ragazza o di un ragazzo.
E magari ci potrebbe anche cogliere il desiderio di dare un ulteriore senso al nostro amore facendo nascere un’altra vita.
Quindi immaginatevi infine che ciò che più rappresenta il nostro essere umani, ovvero l’amore per la persona cara e il desiderio di accompagnare con lei l’esistenza di un cucciolo d’uomo, venisse condannato da una gigantesca massa a noi ostile, formata da governanti, istituzioni, politici, ministri del culto, ferventi fedeli e tante persone comuni.
Non so voi, tuttavia, calandomi in questa storia, in quanto etero mi sento estremamente fortunato sapendo che è solo frutto della mia invenzione…



Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

11.6.12

Balotelli italiano più italiano della nazionale di calcio

Storie e Notizie N. 603

Provate a leggere questa storia fingendo di non conoscerne il protagonista

C’era una volta un ragazzo di nome Mario.
Egli nasce in Sicilia, a Palermo, nell’estate del 1990, precisamente nel quartiere di Borgo Nuovo.
I suoi genitori, essendo molto poveri, emigrano al nord e arrivano nella provincia di Brescia, a Bagnolo Mella.
E’ lì che si convincono di non avere le possibilità di provvedere al nuovo nato e così lo abbandonano in ospedale.
I medici e tutto il personale della clinica si prendono cura della vita di Mario e lo allevano per ben due anni.
Nel 1993 interviene il tribunale dei minori e decide di affidare lo sfortunato bambino ad una famiglia di Concesio, altra località della provincia di Brescia.
Dai suoi nuovi genitori, Mario riceve calore ed affetto, così come dai veri figli della coppia, i due maschi e la femmina.
Questo gli dona la forza di crescere sano e forte, al punto da iniziare una folgorante carriera nello sport, ovvero, nel calcio.
Difatti, a soli diciotto anni, Mario esordisce in una squadra tra le più titolate nel paese, facendosi notare per il suo talento.
In appena quattro anni il ragazzo brucia ogni tappa, ritrovandosi all’età di ventidue, pieno di soldi e famoso a livello internazionale.
Ciò nonostante, la giovane età e il suo spiccato carattere spingono il suo nome sulle pagine dei giornali più per i suoi comportamenti extra sportivi che per le prestazioni sul campo.
Si guadagna così, in ordine sparso, molti aggettivi, come indolente, sbruffone, pigro, rissoso, instabile, individualista e festaiolo.
In altre parole, generalizzando a caso tra luoghi comuni e stereotipi, Mario si ritrova a rappresentare il tipico italiano medio.
Non sarà per questo che fa arrabbiare in tanti?




Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed