Agenda

Sabato 13 Gennaio 2018, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni, Libreria Ubik – Via Adige 2, Monterotondo (RM) - Ingresso libero

Top Kill ferma marea nera Bp: ferma anche marea fascista in Italia?

English

Storie e Notizie N. 191

"Dicono che ho potere, ma io non ho nessun potere, forse ce l'hanno i gerarchi, ma non io. Io posso solo decidere se far andare il mio cavallo a destra o a sinistra, ma nient'altro."
Queste parole sono state pronunciate ieri da Silvio Berlusconi, da lui attribuite a Benito Mussolini.
Ora, a parte il fatto che secondo me, anche il cavallo si è rotto i coglioni e che quello che lo sta portando in groppa è Emilio Fede, credo che con questa ennesima grottesca uscita sulla platea internazionale del nostro presidente del consiglio il quadro sia completo.
Ed è un quadro inquietante.
Noi ci scherziamo, io per primo, ma qua la situazione sta diventando giorno dopo giorno più seria.
Perdonate quindi se travesto di ironia e demenziali invenzioni le mie sensazioni, ma non ho mai trovato miglior modo per trasmettere quello che mi passa nella pancia…

La Storia:

Lettera al Governo degli Stati Uniti d’America.

Caro Obama,
prima di tutto voglio esprimere la mia solidarietà a te e soprattutto ai tuoi concittadini che sono stati colpiti dalla tremenda disgrazia della falla di petrolio nel golfo del Messico.
Leggo oggi che la sciagurata Bp, attraverso la manovra Top Kill, dovrebbe essere riuscita finalmente ad arrestare la nera marea da lei provocata.
La cosa mi fa molto piacere e spero davvero che funzioni.
Perché in questo caso, ho una importante richiesta da farti.
Come molti libri di storia raccontano e come sottolineano spesso i governi di destra qui da noi, il vostro intervento nella seconda guerra mondiale per liberarci dal nazifascismo è stato fondamentale.
Senza stare qui a discutere quanto effettivamente la vostra iniziativa sia stata spinta dal desiderio di liberarci da qualcosa o meno, a mio modesto parere ritengo che il nostro paese sia stato sì affrancato dalla dominazione nazista, ma che il fascismo non sia stato mai davvero sconfitto.
Con questo non è che ti sto chiedendo di buttare giù un’ennesima missione di pace e di invadere l’Italia per riportarci la democrazia.
La cosa avrebbe una sua logica, lo capisco, ma visti i precedenti spero proprio che ciò non accada.
Magari, se dovesse confermarsi vincente, non è che potreste prestarci questa Top Kill e permetterci di fermare la nostra marea nera, che ancora oggi, dalla seconda guerra mondiale, continua a infangare la nostra terra e la sua storia?
Non ci meritiamo un premier che davanti alla stampa mondiale osa non semplicemente citarlo, ma addirittura paragonarsi impunemente al dittatore che ha quasi distrutto il nostro paese.
Non ci meritiamo che il nome della nostra nazione venga continuamente affiancato a quello di paesi sotto palese dittatura.
Non ci meritiamo un governo di politici che sono i più pagati del mondo e vivono come semidei.
Tutti, eh? Perché se prendi diecimila euro al mese escluse le spese mi puoi parlare di quel cazzo di crisi ti pare, ma finché non ti dimezzi lo stipendio, destra o sinistra, per me sono tutti uguali.
Qualunquismo? Antipolitica? No, elementare buonsenso nel non volersi fare prendere per il culo.
Non ci meritiamo l’ennesima legge che ammanetta magistratura e stampa per favorire mafiosi e soprattutto amici dei mafiosi.
Non ci meritiamo un telegiornale nazionale talmente, ripeto, talmente di parte.
Qualche giorno fa, qualcuno ha commentato un mio post dicendo che ci meritiamo questi politici, perché ognuno ha il governo che si merita.
Non ci sto.
Io non ho votato questa gente, nessuno di loro.
Io e molti altri non ci meritiamo questa marea di fascisti.

Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.

Nostro figlio è nato, Sabato 5 giugno 2010, lo spettacolo a Roma.

Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

Commenti

  1. grazie Alessandro, mi rincuora pensare che ci siano persone e artisti come te che ci fanno sentire meno soli. Questo, almeno, ce lo meritiamo. Nell'attesa del 5, un bacione a Cecilia e a te. e GRAZIE. Roberta yasmine

    RispondiElimina

Posta un commento