Agenda

Sabato 11 Novembre 2017 ore 19, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni, Libreria Teatro Tlon – Via F. Nansen 14, Roma - Ingresso libero. Per info e prenotazioni: libreriateatro@tlon.it - 06 45653446

I tumori di Radio Vaticana

English

Storie Notizie N. 224

Lo studio suggerisce che vi sia stata un'associazione importante, coerente e significativa tra esposizione residenziale alle strutture di Radio Vaticana ed eccesso di rischio di malattia per leucemia e linfomi nei bambini.
Questa dichiarazione è tratta dalla perizia richiesta dal Giudice per le indagini preliminari di Roma Zaira Secchi, riguardo alle morti causate da elettrosmog tra il 1990 e il 2003 a nord della capitale, in seguito alla successiva inchiesta.
Il direttore generale della radio cattolica, Federico Lombardi, commenta così:
La Radio Vaticana apprende con stupore notizie circa le risultanze della perizia disposta dal GIP del Tribunale di Roma in sede di incidente probatorio nell’ambito del procedimento a suo carico per presunti danni alla salute della popolazione…
La Radio Vaticana presenterà al più presto le proprie considerazioni e le controdeduzioni dei propri consulenti tecnici, il prof. Umberto Veronesi e la dott.sa Susanna Lagorio.
E’ bene ricordare che secondo la letteratura scientifica internazionale in materia non è stata mai dimostrata l’esistenza di un nesso di causalità come quello ipotizzato…
In tale occasione occorre tuttavia ribadire ancora una volta che la Radio Vaticana ha sempre osservato le indicazioni internazionali sulle emissioni elettromagnetiche e, dal 2001, in seguito ad accordo con le competenti autorità italiane, ha osservato i più restrittivi limiti stabiliti dalla sopravvenuta normativa italiana in materia…
Ma sì, dev’essere proprio così.
La verità del signore verrà presto ristabilita.
Il nome della radio divina verrà sicuramente riportato alla sua purezza originale e la sua anima sarà mondata da ogni peccato.
Rimarranno solo i tumori…

La Storia:

Siamo la Radio Vaticana.
Siamo la voce del Papa e della Chiesa in dialogo con il mondo.
Siamo qui per proclamare con libertà, fedeltà ed efficacia il messaggio cristiano e per collegare il Centro della cattolicità con i diversi Paesi del mondo.
Come?
Che domande.
Diffondendo la voce e gli insegnamenti del Romano Pontefice.
Fornendo le informazioni sulle attività della Santa Sede.
Fornendo le informazioni sulla vita e sulle attività della Chiesa Cattolica nel mondo.
Orientando i fedeli a valutare i problemi del momento alla luce degli Insegnamenti e del Magistero della Chiesa.
Forniamo inoltre collaborazione e consulenza a Diocesi e a Conferenze Episcopali nel settore della radiodiffusione.
Abbiamo anche il compito istituzionale di registrare, amplificare e distribuire il suono di tutte le attività ufficiali del Santo Padre in Vaticano e di esercitare e proteggere, in via esclusiva, i diritti di proprietà intellettuale sulle registrazioni della voce dei Romani Pontefici.
Qualcuno di voi potrebbe chiederci: ma questo che cappero c’entra con Gesù?
Soprattutto, cosa cappero c'entra con la vita di Cristo?
Vi risponderemo quando saremo in onda, lasciate il vostro numero in segreteria.
Fratelli e sorelle, noi siamo qui ora per altra cagione.
Qualche incauto ci accusa di aver provocato tumori, soprattutto a bambini, per più di dieci anni.
E’ falso e lo proveremo nelle sedi appropriate.
Nel frattempo dormiamo sonni tranquilli.
Nessun dubbio ci tormenta.
La nostra coscienza è limpida.
Perché siamo la voce di dio.
Altrimenti, chi siamo?



Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.



Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

Commenti

  1. le onde elettromagnetiche non causano effetti collaterali ? bene perchè il Vaticano, per convincerci di questa tesi, non si trasferisce nei comuni romani di Cesano e La Storta, ovvero sotto i ripetitori ?

    laleggenoneugualepertutti

    RispondiElimina
  2. Il Vaticano è un centro di potere e condiziona la politica italiana; dovremo fare un referendum e chiedere l'annullamento del concordato.
    Più che difondere il vangelo, radio maria serve a fare propaganda per conquistare proseliti e, quindi, fare affari: con le offerte e simili.
    Se potessi ritornare indietro, rifiuterei il battesimo che serve solo a fare numero (di cattolici).
    Il vaticano è solo una fabbrica di soldi e di potere: chiede diritti ma dimentica i doveri.
    Da 8 milioni per l'Aquila e i terremotati, ma ne spende 9 milioni per fare propaganda sull'8 per mille: per loro è più importante avere soldi che darne. E non venitemi a dire che servono per fare beneficenza.
    Sergio

    RispondiElimina

Posta un commento