Lettera complotto di Tremonti: ecco il testo integrale



English version


Storie e Notizie n. 62


La Storia:

Aspen Institute Italia
Roma, 7 Settembre 2009


Caro amico, gentile amica,


l’Aspen Institute Italia è lieta di invitarti alla tavola rotonda dal titolo Costruire il dopo e rinnovare la leadership del paese, che avrà luogo l’8 ottobre 2009 presso il nostro ufficio di Roma.
Ci tengo fin da subito a chiarire un equivoco: questo non è affatto un complotto ai danni di tu sai chi. Noi non pronunciamo il suo nome, ma tu hai sicuramente capito di chi si tratta.
Il fatto che il nostro incontro si terrà esattamente il giorno dopo la sentenza del Lodo Alfano e all’indomani della presentazione di Italia Futura, il nuovo parti… ops, la nuova fondazione di Luca Cordero di Montezemolo è una pura coincidenza.
Il convegno al quale sei invitato ha ben altro obiettivo: la leadership del futuro.
La leadership del futuro implica una rinnovata e forte responsabilità non solo sul piano socio-economico ma anche a livello politico…
Lo so cosa stai pensando, binomio economia e politica, commercio e parlamento, conflitto di interessi… ti ho già spiegato che non siamo qui contro tu sai chi.
Basta con il contro, qui siamo per il per, per la leadership del futuro, la quale rimanda alla creazione, in Italia, di una leadership complessiva sul piano di un consenso che non sia solo immediato e mediatico…
Comprendo che anche qui potresti leggere un vago riferimento a tu sai chi, tuttavia devi sforzarti nell’avere una visione innovatrice.
Molti errori sono stati fatti in passato.
C’è chi ha sostenuto finora che l’innovatore debba in primo luogo essere un trasgressore. Per alcuni, invece, se è vero che l’innovazione richiede una certa dose di trasgressione, è altrettanto vero che senza una costante accumulazione di conoscenze l’innovatore stesso può facilmente diventare un semplice “stravagante”…
Ogni riferimento alle gaffes e alle vicende private di tu sai chi è puramente casuale, credimi sulla parola.
Non siamo qui per fare complotti. Pensi forse che in quel caso avremmo invitato anche Massimo D’Alema, Ignazio Marino e Umberto Veronesi? Che poi fanno parte anche loro di Aspen…
L’assemblea alla quale parteciperai servirà a dar vita a un gruppo di lavoro molto ristretto e altamente qualificato per approfondire queste tematiche di rilevanza strategica per il progresso dell’Italia.
E’ finita l’era degli intrighi e dei sotterfugi.
Ah, dimenticavo, questa missiva è riservata e personale


G. T.



Lettera della discordia tra il premier e Tremonti
Il genere è per intenditori. Perché, racconta uno dei presenti, cogliere sfumature e immaginare scenari non sempre è facile e non sempre è esente da abbagli. Così, ci sta che qualcuno individui nel «modello Obama» la soluzione alla «lunga transizione italiana» e che altri immaginino un giovane leader «capace di rompere gli schemi e uscire dallo stereotipo». Di certo, quando Silvio Berlusconi ha saputo della lettera datata 7 settembre 2009 con cui il presidente dell’Aspen Institute Italia Giulio Tremonti invitava a partecipare alla tavola rotonda Costruire il dopo e rinnovare la leadership del Paese ha fatto un salto sulla sedia.

Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.

Lo spettacolo, 26 Novembre 2009 a Roma.


Condividi questo articolo:
Condividi su Facebook

Commenti