Agenda

Sabato 11 Novembre 2017 ore 19, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni, Libreria Teatro Tlon – Via F. Nansen 14, Roma - Ingresso libero. Per info e prenotazioni: libreriateatro@tlon.it - 06 45653446

Lodo Alfano è retroattivo: mafiosi, corruttori, imbroglioni candidatevi!

English

Storie e Notizie N. 261

E’ notizia di oggi che la Commissione Affari Costituzionali al Senato ha dato parere favorevole alla retroattività dell’ormai famoso Lodo Alfano.
La possibilità di questo ennesimo stratagemma per salvare Tu sai chi dai processi che lo riguardano era già stata presentata dai media nostrani tempo addietro e ne ho già scritto qualcosa a riguardo.
Nel dettaglio, il senso dell’emendamento al discusso Lodo sarebbe così sintetizzato: I processi nei confronti del presidente della Repubblica o del presidente del Consiglio, anche relativi a fatti antecedenti l'assunzione della carica, possono essere sospesi con deliberazione parlamentare.
L’autore di questa preziosa regalia porta il nome di Carlo Vizzini, tra le altre cose accusato da Massimo Ciancimino di avergli sborsato ben 900.000 euro di tangenti.
L’oggetto dello scandalo per molti politici dell’opposizione è il fatto che tale indubbiamente iniquo provvedimento sia stato votato anche dai finiani.
Non per il sottoscritto, il quale - in tempi non sospetti – aveva dichiarato più volte l’assoluta mancanza di fiducia nei puri dell’ultima ora.
Sarebbe poi ridondante dedicare per l’ennesima volta un post a Colui che non deve essere processato.
Quello che mi preme maggiormente è cosa tali crimini legalizzati significhino per la nostra martoriata democrazia…

La Storia:

Mafiosi, corruttori, imbroglioni, ladri e tutti quanti voi che avete violato in qualsiasi modo la legge, sappiate che oggi è un gran giorno.
Un gran giorno per morire?
No, tutto il contrario!
Lasciate perdere nascondigli segreti, cambi di identità, luoghi lontani senza estradizione e soprattutto avvocati senza scrupoli, che non fanno altro che spennarvi: questo è il passato.
Il presente è lo straordinario Lodo Alfano Retroattivo.
Candidatevi premier e per arrivare all’elezione siate pronti a fare e dire di tutto.
Non fatevi alcuna remora.
Che stupidaggine, la mia, siete mafiosi, corruttori, imbroglioni, ecc.
Grazie al Lodo, una volta in carica avrete davanti a voi un Futuro dorato e una Libertà assoluta da ogni accusa precedente.
Non vale la pena tentare?
Cosa? Perché non Presidente della Repubblica?
In effetti avete ragione, il Lodo Alfano Retroattivo riguarda anche quest’ultimo, ma l’avete sentito anche voi il commento di Napolitano alla legge: “La Presidenza della Repubblica resta sempre rigorosamente estranea alla discussione…
Immagino che nessuno di voi vorrà rimanere estraneo ad alcunché, non è vero?
Eh, se uno come voi raggiunge un posto così in alto, come fa a restare a guardare?
Che? Non vi fidate? Uno scherzo?!
Pensate che la Presidente della commissione Giustizia della Camera, Giulia Bongiorno, quando dice che la finalità del cosiddetto lodo Alfano costituzionale è quella di salvaguardare la serenità nello svolgimento delle funzioni da parte delle alte cariche dello Stato, stia scherzando?
Dice sul serio, dice!
Lo fanno vi dico, lo fanno.
Questo Lodo è un importante tassello della riforma della giustizia, cappero.
Questo l’ha detto il ministro Frattini, non so se mi spiego.
No, cappero l’ho aggiunto io.
Chi? I Finiani? Temete i Finiani?
Sentite cosa dice Italo Bocchino, il loro capogruppo alla Camera: “Chi ci accusa sul Lodo Alfano non ha approfondito: essendo la norma a tutela della serenità delle funzioni è un falso problema. La tutela alle alte cariche va data…
Chiaro? Futuro, libertà e serenità. Ma che volete di più?

PS: Con questo Lodo perfino Tu sai chi quello vero, una volta premier, può sfangarla:



Spettacolo a Roma venerdì 29 ottobre

Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.



Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su FriendfeedCondividi su Google

Commenti