Giornata internazionale disabilità: noi siamo te

Storie e Notizie N. 1066 

Oggi, 3 dicembre, ricorre la Giornata Internazionale dei diritti delle Persone con Disabilità.
Ho sempre pensato che i vuoti che ci contraddistinguono e, spesso, ci affliggono lo sono finché qualcuno non li riempie per noi.
Cancellandoli…

Disabile.
Diversamente abile.
O, forse è meglio, te.

Te, che sei qui, ora.
Rilassati e goditi il viaggio.
Perché di quel che ti manca, ne avremo noi in abbondanza.

Se è la fantasia il difetto, ti presteremo i colori migliori, quelli che rendono meraviglioso il discreto, scelti alla luce del sole con laboriosa franchezza, nessun regalo da photoshop.
Non ti daremo le storie che leggono tutti, bensì solo quelle che restano.
Per sempre.
E ti daremo anche nuove note con cui liberare il corpo da quel presuntuoso che pontifica lassù, nel cranio.
No, nessuna ottava scoperta.
Attingeremo sempre alle solite sette, stai tranquillo.
E’ solo che non c’è nulla di già sentito, quando la melodia traduce l’oggi.
Leggi pure come te e noi.

Se è il coraggio quel che non trovi, eccoci.
Ti volti e ci vedi.
Rimani con lo sguardo al nemico.
Ma sai che siamo lì.
Il nemico guarda te.
E sa di essere solo.
Contro tutti.
Ovvero, leggi ancora come prima.

Se addirittura è il calore che non c’è, non dovrai far altro che muovere una mano.
Se puoi, anche due.
E lanciale in direzioni opposte.
Sì, proprio come il capo dei fantastici eroi, quello con il corpo che si allunga.
Disegna un cerchio con le braccia, davanti a te, e termina l’opera allorché ti aggradi.
Quel che stringi vale lo sforzo.
Non tutto, è chiaro.
Non è il regno degli ingenui, il mondo qui narrato.
E’ solo per una mera questione di statistica che il tesoro è là fuori, da qualche parte.
Questo dicono tutti, nessuno escluso, tra coloro che fin qui ci hanno permesso di averlo ancora, un orizzonte.

Se poi è altro che non hai e noi altri non saremo in grado di rimediare alla mancanza, tutti noi siamo te.
Disabili.
O, forse è meglio, diversamente disabili.

Visita le pagine dedicate ai libri:

Leggi altre storie sulla diversità


Altre da leggere:

Nessun commento:

Posta un commento