Agenda

Sabato 11 Novembre 2017 ore 19, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni, Libreria Teatro Tlon – Via F. Nansen 14, Roma - Ingresso libero. Per info e prenotazioni: libreriateatro@tlon.it - 06 45653446

Storie di razzismo in Italia: vorrei un giorno

Storie e Notizie N. 1294

Leggo che in Emilia, Lombardia e altre città al nord sono state poste sagome tricolori di cadaveri e manifesti contro lo ius soli.

Un giorno.
Mi basterebbe un solo giorno.
Un giorno in cui saremo tutti disabili.
No, non diversamente abili, che è un tollerato eufemismo per evocare l’ennesima meraviglia umana.
Disabili, intendo proprio disabili.
Privi di abilità normalmente sprecate.
Svilite quanto sottovalutate.
Tutti ciechi, quindi.
Benché per un solo giorno, tutti incapaci di accusare le carnagioni colpevoli.
Tutti impossibilitati a stracciarsi le vesti innanzi agli abiti ritenuti scandalosi.
E nessuno in grado di approfittare delle vulnerabili forme altrui per coprire ancora una volta l’inconfessata viltà.
Tutti irraggiungibili dalle parole scritte rigorosamente voltando le spalle al cuore. Lontani dalle frasi deliranti disarcionate per ventiquattro ore dal sadico destriero che chiamiamo informazione, che non manca occasione di cavalcare impietoso sui terreni più indifesi.
Tutti sordi, perciò.
E sebbene per un solo giorno, tutti indifferenti alle tempestive urla del parassita di professione, sempre pronto a gettarsi sul mostro che lui stesso ha disegnato.
D’accordo, niente musiche celestiali e melodie naturali.
Silenzio, assoluta assenza di suoni.
Parentesi vuota tra un rumore e l’altro.
In altre parole, un dono straordinario.
Per un giorno.
Tutti paralizzati, allora.
Perfettamente immobili.
Perfetti, fino a prova contraria. Inevitabile dimostrazione che tornerà puntuale per ognuno di noi alla fine del sogno.
Ma per un giorno, nessuno potrà abusare di qualcuno.
E nessuno potrà respingere qualcun altro.
Nessuno potrà scansarsi laddove il giusto dito lo chiamerà a rispondere.
E nessuno potrà addirittura metterci qualcun altro.
Al proprio posto.
Nessuno potrà iniziare nuove guerre.
E tutti dovremo aspettare.
Per ricominciare a combattere.
O smettere di farlo.
Una volta per tutte.
Un giorno, solo un giorno, non chiedo di più.
Per poi svegliarci.
Vedere, sentire, camminare.
E magari volare.
Come avremmo dovuto fare tutti.
Fin dall’inizio...

Leggi anche il racconto della settimana: L'importanza del bicchiere
Leggi altre storie sul razzismo
Compra il mio ultimo libro, La truffa dei migranti, Tempesta Editore.
Aiutaci a realizzare la X Edizione della Rassegna di Teatro narrazione Il dono della diversità

 

Visita le pagine dedicate ai libri:
 



Altre da leggere:

Commenti