Primo bacio gay in Canada tra marinai: quel che ci rende umani

Storie e Notizie N. 1325

Il “primo bacio gay” in pubblico tra marinai della Royal Navy canadese, così titolano molti giornali oggi.

La prima volta che
Potremmo narrarla così, l’umana vicenda su questa terra, semmai un giorno saremo degni di far parte del racconto globale.
Di sicuro i ragni ci sono, le ragnatele sono ancora oggi arte sublime, così come il bruco che si fa farfalla.
Perciò, armandoci al contempo di tolleranza per la miriade di bassezze e passione per le trascurate parentesi di bellezza, ricordiamone alcune insieme.
Di prime volte che
Come il primo istante in cui un uomo ha compreso che per quanto potrà imparare a fare il padre, non sarà mai paragonabile a una donna.
Che madre lo è.
E come il primo giorno che un bambino si è levato dritto tra i presenti inginocchiati e, malgrado il silenzio fosse la più conveniente delle risposte, ha pronunciato.
Il primo perché.
Come la primissima sera che una ragazza è andata a dormire con la promessa di alzarsi al mattino seguente per guardare dritto negli occhi il cosiddetto sesso forte. Così, tanto per cominciare, perché questa, essendo la prima, è solo l’inizio della vittoria.
E come la prima scena in cui gli umani ritenuti inferiori per qualsivoglia ragione, anzi, follia, si sono guardati tra i loro, di occhi. Allargando il comune sogno oltre l’ottuso di turno che tenti di celare l’orizzonte con un insulto.
Come la prima guerra, venduta, manipolata, strumentalizzata e cinicamente imposta, ma subito prima della mortale miccia, sconfitta da chi da sempre ci mette il cuore, oltre che la faccia.
E come la prima volta, perché c’è stata, altrimenti non saremmo qui, che uno sconosciuto, perché lo ricorderemmo, altrimenti non staremmo così, quello spiccato tipo di persona che ignoriamo anche da vivo, altrimenti ora saremmo lì con lui, in cui quel fantasma si è voltato ed è tornato indietro, all’inferno.
Perché il paradiso alle spalle è solo la terra che ha amato e ciò che amerà anche domani.
Come la prima volta che due marinai canadesi si scambiarono un bacio di vero amore sulla pubblica piazza?
No, mi dispiace deludervi, ma questa non rientra nell’album dei nostri meravigliosi ricordi. Non deve. Al contrario della prima e benedetta volta in cui non sentiremo alcuna propensione a considerarla un’eventualità straordinaria, ma solo una delle tante normalità della vita.
Umana…

Leggi anche il racconto della settimana: L'ultimo bicchiere d'acqua
Leggi altre storie sulla diversità
Ascolta la mia canzone Sa tutto una stella
Compra il mio ultimo libro, La truffa dei migranti, Tempesta Editore


   

Visita le pagine dedicate ai libri:
 



Altre da leggere:

Nessun commento:

Posta un commento