App contro il razzismo

Storie e Notizie N. 1371

Immagina di installare nella tua testa una speciale app.
Una app mentale, che agisca in te un attimo prima di leggere.
Ascoltare.
E vedere.
Immagina che tale prezioso programma elimini ogni informazione riguardo alla nazionalità dei protagonisti.
D’altra parte, Harry Potter sarebbe stato meno magico con il turbante in testa?
Avresti ammirato di più Nelson Mandela se fosse stato svedese?
La grandezza del celebre passo per l’umanità del primo uomo sulla luna è dipesa in qualche modo dal luogo di nascita dell’astronauta?
Allora, leggi, ascolta e vedi.
Le notizie di oggi, così, con me.
Verrai a sapere, quindi, che un essere umano ne ha ucciso un altro o anche di più.
Ne leggerai, ascolterai e vedrai molte, a riguardo.
Scoprirai pure che qualcuno ne ha salvati altrettanti.
Ne leggerai, ascolterai e vedrai poche, a riguardo, ma tu fammi il favore.
Non usarla come scusa per le tue più o meno deprecabili azioni.
Ti racconteranno di gente che abusa del prossimo.
Di individui che usano la propria morte per condividerla con tutte le vite a portata di insopportabile odio, assordante tristezza e infinita solitudine.
E di tuoi simili sfruttati fino all’ultimo brandello di somiglianza, perché l’unica vera differenza tra una vita e l’altra è quando il cuore cessa di battere.
Nondimeno, se avrai sufficiente pazienza ti imbatterai in coloro che, ti piaccia o meno, sono il tuo prossimo.
Scoverai quelli che usano la propria vita per condividerla, punto. E ti sorprenderai di quanto molti ti siano simili, altro punto e stavolta a capo.
Davvero, figurati di trovarti in memoria questa app.
Che si attivi da sola a tempo debito.
Prima di leggere, ascoltare e vedere.
Sul serio, figurati che tale avveniristico software intercetti e renda invisibile ogni indicazione sul paese d’origine degli attori in gioco.
Brigitte Bardot cinese sarebbe forse meno bella, ai tuoi occhi?
E Muhammad Ali tedesco non sarebbe stato comunque il più grande?
Il cervello di Einstein filippino non sarebbe ancora il più dotato della storia dell’umanità?
Perciò, leggi, ascolta e vedi.
Quel che oggi è accaduto nel mondo.
Facciamolo adesso, insieme.
E veniamo a conoscenza di persone che fanno del male, come del bene.
Di vittime predestinate o solo sfortunate.
Di eroi e vili.
Di gente semplicemente fragile.
Di donne e uomini famosi per un giorno.
Di bambini sconosciuti.
Certo, le conseguenze sarebbero molte e accortezza esigerebbe di scriverlo con chiarezza nelle istruzioni della app: leggere, ascoltare e vedere la sola, importante essenza degli umani accadimenti e dei loro protagonisti ti obbligherà a farti domande sul significato dell’una e le ragioni degli altri.
Tuttavia, cosa succede, altrimenti?
Cosa succede quando il tutto viene appesantito da colori della pelle e bandiere, taglio degli occhi e dei capelli, paese natale o solo di passaggio?
Cosa succede ogni giorno?
Nella nostra testa?

Leggi anche il racconto della settimana: Non aver paura
Leggi altre storie sulla diversità
Ascolta la mia canzone La libertà
Compra il mio ultimo libro, La truffa dei migranti, Tempesta Editore


   

Visita le pagine dedicate ai libri:
 



Altre da leggere:

Nessun commento:

Posta un commento