Agenda

Novembre 2017, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo
Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni

Storie sulla diversità della natura

Storie e Notizie N. 1494

Capita, sovente capita.
Capita che una foto diventi virale, ovvero, per esteso, guarda, guarda bene, condividi, piacizza, desktopizza e tagghizza.
Una leonessa che allatta un cucciolo di leopardo, recita la didascalia.

“Non capisco il clamore”, fa la madre al figlio inaspettato.
“Non capisco cosa dici”, osserva quest’ultimo interrompendo la saporita abbuffata solo per una frazione di secondo.
Perché questo e niente di più è il tempo che meritano le vane complicazioni.
Umane.
Nondimeno, al netto dell’eccezionale diffusione della suddetta istantanea, e di innumerevoli quanto vane guerre a suon di venefiche parole e sguardi ostili, gesti sgradevoli e bestiali assembramenti virtuali – prima ancora di divenir reali pugne – la danza della sottovalutata normalità va in scena quotidianamente, anche in questo preciso momento.
Ti basta chiudere gli occhi e disattivare il timorato antivita che il sistema inoperativo ti ha imposto di installare.
Vedi ciò che vedo io?
Malgrado le divisioni semantiche e le ossessioni cromatiche, le anime differenti si attraggono e si incontrano ovunque.
Spesso è tutto sangue e urla all'interno della finestra principale, arrogantemente aperta sul nostro orizzonte digitale, ma non è solo questo, il mondo.
In quest’ultimo, ora, proprio adesso, ci sono persone che si stringono la mano, malgrado quel che l’epidermide suggerisca.
Altre si stanno abbracciando, incredibilmente, sì, sebbene i rispettivi culti facciano fatica anche solo a guardarsi l’uno nel divino dell’altro.
Alcune si stanno perfino conoscendo, rinunciando a scattanti smart e mirabolanti app. Difatti, avvalendosi della vera magia del terzo millennio - portento vintage che non va mai di moda, per buona sorte – hanno avuto il coraggio di seguire la ricetta indicata dall’antiquato incantesimo: io parlo, tu ascolti, poi tu parli e io sono tutto orecchi, quindi daccapo, finché insieme saranno diventate inevitabilmente qualcosa di meglio.
Ci sono quelli che hanno scelto di leggere il più possibile per capire loro, ancora prima di incontrarli.
E ci sono quelli che stanno facendo l’identica cosa con se stessi, ancora prima di oltrepassare la soglia di casa.
Perché i confini, tutti i confini della terra, sono transitati sempre da una persona alla volta.
E in ciascuno di questi istanti è come se il mondo resettasse.
Perché questo siamo, miliardi di possibili inizi, giammai il contrario, per noi e addirittura per interi popoli che non riescono a entrare neppure in una frase ponderata per anni, figuriamoci in un gratuito commento da giornata storta.
Poi arriva la foto perfetta, in mezzo a un mare di strafalcioni viventi, e ci sentiamo improvvisamente bene.
“Non li capisco”, fa l’improvvisata mamma, alquanto basita.
“Non ti capisco”, ribatte di nuovo il piccolo.
Be', è comprensibile, vista l’età parla a mala pena il leopardese, figuriamoci il leonino.
Ma non è affatto un problema, questa è solo una delle miliardi di differenze.
Che li uniscono.
Perché, se osservi attentamente, ancora un attimo prima di riaprire gli occhi.
Vedrai che la diversità della natura non è affatto straordinaria.
E’ semplicemente naturale.


Compra il mio ultimo libro, Tramonto, la favola del figlio di Buio e Luce
Leggi anche il racconto della settimana: Assedio finale
Leggi altre storie sulla diversità
Ascolta la mia canzone La libertà
Guarda un estratto del mio ultimo spettacolo Curami
  

Visita le pagine dedicate ai libri:
 

Commenti