Cartelli valori occidentali: Storia del sindaco Highlander

Storie e Notizie N. 1303

Leggere la notizia sui cartelli all’ingresso di Pontoglio mi ha ispirato il seguente racconto…

C’era una volta un paese.
A capo del paese c’era un sindaco.
E il sindaco a capo del paese era uno di quelli.
Per esteso, un uomo con l’innata vocazione a ergersi quale baluardo innanzi alla truce orda di contaminanti infedeli.
Tuttavia, costui voleva elevarsi – si fa per dire – anche tra i comuni baluardi e così ebbe la giusta pensata.
Una leggenda sostiene che gli apparve in sogno un angelo tutto vestito di verde e con le ali celtiche, che non so come siano fatte e forse è un bene, con la faccia di Borghezio e i capelli di Lady Gaga.
Con questo cartello vincerai”, pare fu il messaggio della celeste creatura, anzi, verde, giustappunto con un cartello in mano. “Vedrai”, aggiunse subito dopo. “Ne servirà soltanto uno.”
Alle prime luci dell’alba, ancora in pigiama e armato di chiodi e martello, il nostro – anche questo si fa per dire – raggiunse le porte del paese e affisse la sacra insegna recitante il seguente monito:
Paese a cultura Occidentale e di profonda tradizione Cristiana.”
Sottotitolo: “Chi non intende rispettare la cultura e le tradizioni locali è invitato ad andarsene.”
In poche ore la notizia della novità si diffuse tra gli abitanti e, dopo accese discussioni nelle varie abitazioni, un inaspettato esodo ebbe luogo.
Le prime ad andarsene furono le donne. Non che gli uomini fossero degli zozzoni, ecco, ma privarsi dello shampoo, essendo stato inventato in India, sarebbe stato impossibile.
I secondi ad andarsene furono i sostenitori della TAV, tra cui molti tra i colleghi di partito del sindaco, visto che il treno ad alta velocità è stato inventato in Giappone.
A seguire abbandonarono il paese tutti i soldati di ogni grado e arma possibili, visto che la banda militare è stata inventata dai Turchi. Va bene marciare ogni dì, ma ogni tanto un po’ di fanfara tira su il morale, insomma.
Quindi se ne andarono tutti gli abitanti dal didietro, come dire, sensibile, visto che la carta igienica è stata inventata in Cina e nessuno tra loro si dimostrò disposto a considerare soluzioni alternative.
Subito dopo se ne andarono i molti che amavano conservare una dentatura sana e pulita visto che i primi spazzolini da denti sono stati ritrovati in Babilonia, ovvero in Iraq.
Se ne andarono tanti, davvero tanti, tra quelli che, anche per le feste alle porte, intendevano trascorrerle a divertirsi con amici e parenti con il Monopoli, Risiko o Scarabeo, visto che il gioco da tavolo è stato inventato in Egitto.
Lasciarono il paese, tra gli altri, giornalisti e pittori, librai e attacchini di manifesti, edicolanti e incartatori di pacchi, anche questi ultimi fondamentali per il Natale imminente, visto che anche la carta è stata inventata dai Cinesi.
Quindi partirono tutti i contadini, dato che l’agricoltura è nata in Medio Oriente.
Andarono via tutti i creatori di suoni e coloro che di musica non avrebbero potuto farne a meno, visto che è nata in Africa.
Il vero colpo, per un sindaco moderno e pratico, fu quando vide allontanarsi tutti i banchieri, perché pure le banconote vengono dalla Cina.
Li seguirono a ruota tutti i cassieri e i contatori di qualsivoglia natura, visto che i numeri sono Arabi.
E infine, ultimi rimasti, se ne andarono tutti i bambini.
Perché non c’è giovane vita che possa accettare un mondo senza favole e chi le scrive. Impossibile il contrario, visto che la scrittura è nata in Mesopotamia, ovvero in Iraq.
Il sindaco, ormai solo, invocò furente l’angelo.
Quest’ultimo, stranamente, invece che dalle nuvole sbucò da un cespuglio.
“Perché stavi lì?”
“Che domande, è scomparsa la carta igienica, cercavo qualche foglia…”
“Bando alle ciance, ho fatto come hai detto e ora se ne sono andati tutti.”
“Esatto.”
“Esatto un corno, cribbio! Ma non avevi detto che di cartello ne sarebbe bastato uno, così avrei vinto?”
“Tu hai vinto, ma sul resto ti sbagli: io ho detto che ne resterà soltanto uno..."
Highlander, l'ultimo immortale, il vincitore.
Il supremo baluardo.
Della cultura occidentale…

Leggi anche il racconto della settimana: Il più bel regalo di Natale
Leggi altre storie sulla diversità
Compra il mio ultimo libro, La truffa dei migranti, Tempesta Editore.
Fai un regalo di Natale diverso, aiutaci a realizzare la X Edizione della Rassegna di Teatro narrazione Il dono della diversità
   

Visita le pagine dedicate ai libri:
 



Altre da leggere:

Nessun commento:

Posta un commento