Agenda

Novembre 2017, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo
Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni

Monicelli ad Annozero e la verità sull’Italia

English

Storie e Notizie N. 176

La verità è che quando non ci sarà più Mario Monicelli – con questo spero di allungargli la vita il più possibile… - vedrete uno stuolo di pseudo artisti, scrittori e attori, la cosiddetta gente di spettacolo, che sfileranno tra le varie trasmissioni per lasciare la loro indispensabile testimonianza sul maestro, raccontando che erano suoi amici e che hanno imparato tutto da lui.
Io voglio celebrarlo ancora una volta oggi, che è ancora qui con noi, e non come regista, bensì come uomo, per le sue preziose parole di ieri sera, che a mio modesto parere andrebbero scolpite.
Perché non capita spesso di sentir dire la verità…

La Storia:

La verità è che Io so’ io e voi nun siete un cazzo è di uno che sa, che ha qualcosa da fare, qualcosa da dire. Il guaio è che qui non c’è governo… non c’è niente qui.
La verità è che l’Italia… gli Italiani non sono governati, non c’è democrazia, perché non c’è certo un governo del popolo, non c’è monarchia, non c’è aristocrazia, non c’è niente…
C’è gente che è soltanto accampata qui, a difendere i propri interessi, ad accumulare denaro, a difendersi dagli attacchi altrui, nessuno vuol governare…
Il presidente del consiglio cosa fa? Passa da un dicastero all’altro, va in giro dicendo continuamente che tutto va bene, siamo a posto, noi siamo meglio degli altri…
Si deve mettere d’accordo con quelli della Lega, i quali sono occupati soltanto ad accaparrarsi, se possono, solo un pezzo dell’Italia che è ricca…
Tutto va allo sbando…
Oggi c’è stata una seduta importantissima alla Camera dove il Ministro dell’Economia spiegava la situazione della nostra economia… l’euro sta andando a capofitto.
Vogliamo sapere l’euro a che punto è, l’euro è quel che ci fa campare, che ci da gli stipendi, sta andando a precipizio...
L’Italia sta fallendo…
Il ministro stava a Montecitorio, a Montecitorio ci sono 600 deputati, ce n’erano 50, gli altri 550 che facevano? Stavano in giro per l’Italia, per il mondo, ad arraffare, ad accumulare quattrini, a portare i capitali all’estero, a salvare la famiglia, a salvarsi tra di loro…
Nessuno si occupa dell’Italia, di governare questo povero paese… ognuno fa i propri interessi… quando può, è soltanto una minoranza, perché chi non può farlo sta soltanto in attesa di sapere qual è la sorte…
Gli Italiani vorrebbero che ci fosse qualcuno… hanno sempre fatto questo, hanno sempre sperato che ci fosse qualcuno che si occupasse dei loro affari e li lasciasse tranquilli… l’uomo forte…
Lo hanno avuto per vent’anni… e quello li ha mandati alla rovina, alla guerra, stragi…
Ne volevano un altro, questo non è in grado nemmeno di far questo…
E’ in grado di fare gli affari suoi e tutti quelli che vanno con lui si fanno i propri affari…
E’ una barca che sta affondando, sta andando alla deriva questa povera penisola e tutti si occupano soltanto di salvare la propria pelle…
Questo è lo stato delle cose, questa è la situazione di questa penisola, questa è la verità, questo bisogna dire…

Mario Monicelli

La Notizia:


Storie e Notizie: storie, frutto della mia fantasia, ispiratemi da notizie dei media.

Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su Friendfeed

Commenti

  1. il pensiero di un cittadino ignorante. questo è ciò che penso, siamo nelle mani di persone che comunque vada,sanno che i danni li pagherà solamente il cosi detto popolo sovrano, che se fosse intelligente, chiederebbe ha questi signori di rendere noto il loro stato patrimoniale esistente al momento, per potere fare un confronto con quello che avevano prima di entrare in politica, ha questo punto la verità apparirebbe ben chiara per tutti, che gli unici interessi che vanno ha buon fine sono i loro, e che vada come vada loro cascano in piedi, pronti ad andare avanti,e ricominciare con i beni che nel frattempo si sono procurati, con tutte le ruberie che hanno creato il debito pubblico, che come un meteorite potrebbe cadere in testa, ha noi poveri cittadini, che assistono tutti i giorni al comportamento irresponsabile di questo governo che pensa solo a portare avanti ciò che li può mettere al riparo dai reati modificando parte delle leggi costituzionali, alla loro bisogna , con l'opposizione colpevole che a suo tempo ha favorito l'entrata di berlusconi in politica, rendendosi colpevoli,di gran parte del marasma attuale. essendo stati in grado di fare la legge contro il conflitto d'interessi, mi domando il perchè non sia stata fatta, arrivando anche ha pensare male, visti gli interessi personali, che vengono scambiati nel mondo politico,come dire tu dai una cosa a me io do una cosa a te, e come avrebbe detto TOTO, e/i cittadini pagano. concludendo questa classe politica per salvare la faccia e tenersi il bottino accumulato, si dovrebbero dimettere in massa , altrimenti dovrebbero dimostrare la loro onestà, cosa che ritengo difficile.

    RispondiElimina
  2. Ce ne fossero di più di cittadini cosiddetti "ignoranti" come te...

    RispondiElimina

Posta un commento