Coccodrillo più grande del mondo morto: storia

Storie e Notizie N. 864

Lolong, il coccodrillo più grande del mondo, è morto.
Il più grande in cattività, è ovvio. Prima di spirare, mi confidò che suo fratello Ferdinand è almeno il doppio e lo state per catturare, lo state, sue esatte parole.
Tenendo conto che Lolong, ovvero il lungo, pesava una tonnellata e dalla punta della coda a quella del muso misurava sei metri e diciassette centimetri, potete ben immaginare che razza di drago sia il fratello.
Lolong delle Filippine era comunque famoso come il più lungo ed è spirato.
Era entrato nel Guinness dei Primati, battendo l’australiano predecessore, quest’ultimo solo cinque metri.
Chissà se anche lui aveva un fratello ancora più grosso di cui vantarsi.
Ad ogni modo non mi sono presentato.
Mi chiamo Elmer, sono un bambino e posso dirvi che il giorno in cui Lolong fu catturato io c’ero, come potete vedere nella foto a sinistra.
Sì, io c’ero ed ero lì, con mio padre e i miei zii, e gli amici di Bunawan.
La mia amata Bunawan, la mia povera Bunawan, la mia piccola e sconosciuta ai più cittadina di Bunawan, che un anno fa, grazie alla cattura di Lolong, era citata su tutti i giornali del mondo.
Ecco perché ho adorato Lolong.
Quando l’hanno catturato ho provato un mare di emozioni contrastanti.
Ero emozionato, poiché sebbene di coccodrilli ne avessi già visti, uno così grande non l’avevo mai incontrato prima.
Avevo anche paura che Lolong potesse liberarsi e mangiarci tutti, dal primo all’ultimo. Ecco perché ogni tanto voltavo lo sguardo, laddove il pensiero di vederlo rompere le corde diveniva insopportabile.
Solo che adesso un nuovo incubo mi opprime ed è ancora più grande di quello che alla fine non si è mai realizzato. Anzi, l’entrata nella nostra esistenza di Lolong ci ha reso tutti più felici. Mi riferisco alla fine del sogno più bello che abbia mai fatto e ad occhi aperti, perlomeno finché il coccodrillo più grande del mondo fosse in vita.
Le luci erano finalmente su di noi, come accade in ogni attimo della loro fulgida carriera alle star del cinema.
Le tv, i giornali, i flash dei reporters, gli scienziati, e i turisti, tanti turisti. Un oceano di gente da ogni dove arrivava a Bunawan, la mia piccola, sconosciuta e povera Bunawan.
Gente con il portafogli pieno, non so se mi spiego, e tanta, tantissima curiosità per la nostra celebrità locale.
Il mio caro Lolong.
Mio padre ringraziava il coccodrillo ogni sera, prima di sederci a mangiare, per averci permesso di catturarlo. Secondo lui Lolong era in realtà un dio che si era sacrificato per noi, per regalarci un po’ di fortuna con la sua sofferenza. Un po’ come il vostro povero cristo.
Ora il coccodrillo più grande del mondo è morto e tutti quanti noi abbiamo di nuovo paura che tutto torni come prima.
Ecco perché io stesso ho deciso di catturare Ferdinand.
Ovvero, spero che lui si lasci catturare, esattamente come ha fatto suo fratello Lolong.
Ti prego, Ferdinand, ovunque tu sia, fatti prendere, abbiamo bisogno di te.
Farò finta di legarti, non ti preoccupare e ti prometto che quando i turisti andranno a dormire stanchi di fotografarti, ti farò trovare doppia razione di carne e una piscina Jacuzzi tutta per te.

Leggi altre storie di bambini


Altre da leggere:

Nessun commento:

Posta un commento