Clima riscaldamento globale cause sondaggio in una storia

Storie e Notizie N. 979

Secondo gli esperti dell'Ipcc, Intergovernmental Panel for Climate Change, la responsabilità del
riscaldamento climatico è dell’uomo, sin dal 1950.
Nel rapporto redatto e presentato a Stoccolma, gli scienziati dell’Onu avvertono che, se non interveniamo significativamente, entro il 2100 la temperatura media del nostro pianeta aumenterà di ben 4,8 gradi centigradi e che il livello del mare si innalzerà di un valore tra i 26 e gli 82 centimetri.
Qual è la reazione dell’imputato a tale documentata accusa?
Come reagisce il cittadino medio?
Ecco una sorta di sondaggio immaginario su un campione altrettanto ipotetico…

2100? Ah, be’, tanto io non ci sarò, fa il primo.
Riscaldamento globale? Sarà la solita bufala, dice il secondo.
E che sarà mai? L’acqua fredda non la sopporto e risparmieremo sulla caldaia, dichiara il terzo.
A me non interessa, vivo in montagna, afferma il quarto.
Colpa mia? Questi sono i soliti scienziati comunisti e giustizialisti, contro accusa il quinto.
Ho capito, ma io che ci posso fare? Con tutti i problemi che ho, si giustifica il sesto.
Che muoiano tutti abbrustoliti, meglio così, bofonchia il settimo.
Scusi, vado di fretta, si defila l’ottavo.
Andate via, non compro niente, sbraita il nono.
Chi siete? Testimoni di Geova? Domanda il decimo.
Dove devo firmare? Si limita a chiedere l’undicesimo.
L’ho fatta la differenziata, che altro volete? Protesta il dodicesimo.
E’ colpa dei gay, con tutto quello che rilasciano nell’atmosfera quando cucinano, è sicuro Guido Barilla.
Anche degli immigrati che affollano il mare con i loro barconi, aggiunge Calderoli.
Io non sono stato, quel giorno ero da mia suocera, si difende il quindicesimo.
Confesso tutto, davvero. Quando la mandate in onda? Sogna il sedicesimo.
Ah, che scoperta, io l’avevo già capito da tempo, si inorgoglisce il diciassettesimo.
Preghiamo e affidiamoci all’altissimo, confida il diciottesimo.
Non c’è speranza, il nostro destino è segnato, sentenza il diciannovesimo.

Potrei andare avanti fino alla persona che non parlerà.
E non parlerà poiché non ha il fiato per farlo.
Perché sta lavorando alacremente contro il tempo e tutti gli altri per cambiare questa condanna.
Diamogli una mano.
 



Altre da leggere:

Nessun commento:

Posta un commento