13.12.17

Racconto sulle emozioni

Vietato sorridere

Che giornata assurda, ho vissuto.
Chiamarla memorabile sarebbe un clamoroso eufemismo, ma procediamo con criterio, dall'incipit, dal c’era una volta e… come è prassi, che il pubblico decida.

Apro gli occhi come spesso capita per colpa della sveglia del telefonino, con le palpebre ancora restie a liberare il proscenio per il cosiddetto specchio dell’anima, e mi sposto con l'abituale andatura ondivaga del signore di mezz’età alla disperata ricerca dell’agognato bagno disponibile.
Lungo il seppur conciso tragitto, la mia consorte mi intravede dalla cucina, dove si premura di preparare la colazione dei bimbi.
Carlo, dice agitata raggiungendomi in corridoio, come ti senti?
Perché questa domanda? Osservo con la voce ancora provata dal mancato sonno.
Stai sorridendo… mi avverte Sara.
Come è possibile? Mi chiedo.
Di conseguenza mi precipito allo specchio in bagno e rimango senza fiato e col classico cuore impazzito al cospetto della mia faccia riflessa...

Leggi il resto


Sullo stesso argomento:

Compra il mio ultimo libro, Carla senza di Noi
Leggi anche il racconto della settimana scorsa: Le parole della città
Leggi altre storie sulla gioia
Ascoltami cantare con la band
Guarda un estratto dello spettacolo Carla senza di Noi
 

Visita le pagine dedicate ai libri:
 

Nessun commento:

Posta un commento