Passa ai contenuti principali

Video per la Giornata internazionale per l'abolizione della schiavitù

Video storytelling per il progetto collettivo Storytellers for Peace per la Giornata internazionale per l'abolizione della schiavitù, celebrata il 2 dicembre di ogni anno per iniziativa dell'Assemblea Generale dell'ONU.

Storia di uno schiavo (traduzione in italiano del racconto narrato in inglese dal sottoscritto nel video):

È il 9 agosto 1526, da qualche parte, sul mare. Questa è la storia di Mwene. Questa è la storia di un ragazzo. Questa è la storia di uno schiavo.

È il 9 agosto 2020, da qualche parte, sul mare. Voglio raccontarvi la storia di Mwene. La storia di un ragazzino. La storia di uno schiavo.

Mwene è nato libero, come dovrebbero essere tutti. Ma, come voi ben sapete, la vita non è mai come ci aspettiamo. E la vita reale è accettare o combattere ogni sorpresa o ostacolo che essa pone sulla nostra strada.

Mwene è libero, perché così è nato. Ma, come ben sa la sua gente, la vita può darti catene invisibili e la vera battaglia diventa vederle e finalmente spezzarle.

Sai, o dovresti saperlo, che l'Africa ha arricchito tutti gli altri continenti, tranne se stessa. Con tanti doni naturali, ma anche con le persone. Sto parlando di esseri umani, se capisci cosa intendo.

Sai, l'Africa è un continente ricco. Così ricco di doni naturali che potresti arricchirti solo guardandoli. Tuttavia, sono regali che i veri proprietari non hanno mai avuto la possibilità di aprire.

Mwene aveva paura di morire in mare, solo, lontano dalla sua famiglia. Ma voleva anche rendere i suoi genitori orgogliosi di lui. Doveva essere forte per suo padre e vivo per sua madre. Questo è stato l'unico regalo che ha portato dall'Africa.

Mwene è un giovane coraggioso, ma ha anche paura sulla barca. Ha paura di morire, annegando sotto le onde. Non voleva iniziare questo folle viaggio, ma doveva. L'alternativa era la morte e lui vuole vivere.

A volte Mwene andava a dormire sulla barca e sognava di essere dentro una balena, ma del tipo buono, che dà rifugio e amore. Come la madre che non ha mai più visto. O solo un’amica. Questo è ciò di cui aveva bisogno in quel momento, non solo la libertà. Sapeva che doveva combattere per questo, ma sapeva anche che la schiavitù è una guerra che non puoi vincere da solo.

A volte Mwene pensa a quale vita avrà una volta arrivato nel nuovo mondo. Sa di essere uno schiavo, altrimenti sarebbe quello che non ha bisogno di superare l'oceano per sopravvivere. Ma sperare in una vita migliore è ciò che sogna ogni singola notte.

Oggi, nel vostro tempo, è il 2 dicembre 2020. È un momento importante, perché è la Giornata internazionale per l'abolizione della schiavitù. Mwene era solo un ragazzino, cinque secoli fa non era nato così, ma morì come uno schiavo nel paese che ha rubato la sua vita dalla sua famiglia. Ecco da dove viene Black Lives Matter.

Oggi, nel nostro tempo, è il 2 dicembre 2020. È una grande occasione, perché oggi è la Giornata internazionale per l'abolizione della schiavitù. Mwene è solo un ragazzino, è uno schiavo, ma molti lo chiamano immigrato, clandestino o cittadino illegale, e per alcuni di loro non c'è differenza. Ma non è nato così. Sai cosa? Per cinque secoli Mwene ha combattuto e vuole ancora indietro la sua libertà...

Il video con i sottotitoli in italiano:

 


Iscriviti per ricevere la Newsletter per Email

É uscito il mio nuovo libro: A morte i razzisti

Commenti