Passa ai contenuti principali

Giornata mondiale dell'ambiente Video Storia Rap

Storie e Notizie N. 1921

 

Questa è la storia di una festa che è come uno spettacolo

Che inizia col Big Bang sino al tramonto di un miracolo

Dall’alba di un pianeta di cui siamo nati ospiti

Per poi finir col dimenticare quali sono i nostri compiti

Perché eravamo qui soltanto per ammirare e alla meraviglia partecipare

 

Non siamo più degni di neppure metter piede

Oltre la soglia attraverso la quale alla casa chiamata natura si accede

Siamo gli invitati molesti che arrivano già ubriachi alla festa

Come se i doni della terra non fossero capaci da soli di farci perdere la testa

Perché eravamo qui soltanto per ammirare e alla meraviglia partecipare

 

Invece non solo siamo entrati senza neppure un saluto

Ma abbiamo cominciato a far man bassa senza ritegno di ogni regalo di benvenuto

Perché non ci abbiamo capito nulla di dove ci troviamo

Non abbiamo letto cosa c’era scritto sull’invito riguardo a ciò che siamo

Perché eravamo qui soltanto per ammirare e alla meraviglia partecipare

 

E poi dopo aver visto dall’interno quanto il mondo può esser vasto e variegato

Abbiamo creduto all’abbaglio peggiore per colui che è solo un invitato

Quello di pensare che questa casa sia tua che ne sia il padrone e che ogni luogo e creatura sia a tua disposizione

Questo reato ha molti nomi e si chiamano furto rapina rapimento stupro violenza

Perché eravamo qui soltanto per ammirare e innanzi alla meraviglia mostrare riverenza

 

Da quell’istante abbiamo iniziato a succhiare come vampiri il sangue di ogni cosa

Dai fiumi alle montagne dall’animale più grande alla più piccola rosa

E come un insaziabile parassita abbiamo aggredito e prosciugato tutto ciò che fosse in vita

Senza vergogna senza rimpianti con ogni giustificazione e pretesto malgrado scenari devastanti

Avremmo dovuto esser qui soltanto per ammirare e dalla meraviglia restare distanti

 

Non ho idea se siamo ancora in tempo per salvare ciò che resta oltre lo scempio che abbiam fatto

Il giorno della festa sta finendo o forse è già finito e ciò che vediamo è solo il delirante incubo nella testa di un matto

Un folle tra i dannati colpevole di essere il peggiore tra tutti gli invitati

Il più pericoloso dei virus sulla terra la pandemia umana siamo noi l’effetto serra

Perché eravamo qui solo per ammirare e le meraviglie con umiltà rispettare

 

Ammirare, ammirare, ammirare

Ammirate...

Iscriviti per ricevere la Newsletter per Email

Il mio ultimo libro: A morte i razzisti

Commenti