Agenda

Sabato 13 Gennaio 2018, Spettacolo teatrale e musicale in occasione dell'uscita del romanzo Carla senza di Noi, Graphofeel Edizioni, Libreria Ubik – Via Adige 2, Monterotondo (RM) - Ingresso libero

La regola del 46

Storie e Notizie N. 1510

Ahmed Timol, attivista anti-apartheid, venne arrestato a Johannesburg nell'ottobre del 1971. Dopo cinque giorni di detenzione ne fu decretato il decesso, ufficialmente per suicidio a causa di una caduta dall’edificio del quartier generale della polizia.
A riportare luce sulla verità ci ha pensato oggi il tribunale di Pretoria.
Timol è stato assassinato dagli agenti, ha dichiarato la corte sudafricana, in una sentenza storica, accolta con un applauso dai presenti.
Ci sono voluti 46 anni




 

Gioite.
Voi, che la legge del tempo presente falcia con facilità assordante e il silenzio della cronaca vigente umilia fino a ogni più ostinato recesso dell’anima.
Esultate tutti, perché l’ingiusta clessidra ha un cuore.
Lento e goffo, ma batte.
Incredibile nella sua pervicace ossessione nello schierarsi dal lato più servile della bilancia, quello dove non richiesto si lucidano le ruote dorate del carro trionfatore.
Ciò malgrado, ha una logica, da questo dì.
Una norma virtuosa, finalmente, a cui affidare il fin troppo svilito raziocinio, naturalmente incapace di accettare gli abusi peggiori, quelli che seppur precipitino dall’alto, son ben tollerati.
Lì in basso.
La regola del 46, così la chiameremo.
Ovvero, il teorema di Timol, ma sussurrandone il nome proprio.
Non sia mai che, come già accaduto troppe volte in passato, la benché tardiva restituzione sia stato solo un abbaglio.
Invero, è un sogno, già, comunque, ma a occhi aperti.
L’assioma mirabile è tale e ha un numero magico, come ogni equazione nobile che si rispetti, quelle sui cui fondano le basi le figure perfette del firmamento.
Leggi pure come le scintillanti stelle che ancora attendono di riposare in pace.
Non dirmi che non ci avevi fatto caso, dai.
Pensavi davvero che c’entrasse solo la teoria della relatività?
Ma quello è un modo per spiegarle.
Per guardarle ci vuol ben altro.
I puntini luminosi che dopo ogni tramonto persistono nel brillare sulla bruna volta non sono affatto meri echi di un chiarore lontano, figlio di astri oramai scomparsi.
Sono piuttosto domande perennemente rivolte all’umanità che ha ancora il coraggio di alzare il capo e farsene carico, malgrado il peso della distanza e l’inganno delle dimensioni.
Quarantasei, questa è perciò la cifra che darà speranza e orizzonte alle esistenze calpestate impunemente dalla prepotente narrazione delle cose pubbliche.
Gioisci, vittima sacrificale dell’ipocrita quadro globale.
Perché al massimo quarantasei, saranno le inique frustate.
Così i giorni di illegittima prigionia e altrettante le silenziate violenze.
Le offese legalizzate e le volte che la gente volgerà lo sguardo innanzi al vile sopruso, gli schiaffi e gli sputi, le ferite rimarginabili e quelle indelebili, i ricordi e gli incubi, le notti insonni e i giorni cancellati, gli affetti persi e tutte le occasioni mancate, i giorni, i mesi, gli anni, avranno tutti un limite, il massimo della gratuita pena, il peggio che potrai aspettarti dai tuoi più disumani simili.
Quarantasei, la regola, il suo numero.
Nel frattempo, come per l'inaccettabile sofferenza che contiene, una volta scritto e ad alta voce pronunciato, ci impegneremo a far sì che si possa perfezionar la formula, riducendolo a zero.


Compra il mio ultimo libro, Tramonto, la favola del figlio di Buio e Luce
Leggi anche il racconto della settimana: L'appuntamento di Maria
Leggi altre storie sui diritti umani
Ascolta la mia canzone La libertà
Guarda un estratto del mio spettacolo E' incredibile quello che una piccola luce può fare

  

Visita le pagine dedicate ai libri:
 

Commenti