Passa ai contenuti principali

Grazie a Trump per i cesso di paesi

Storie e Notizie N. 1542

Secondo un rapporto del Washington Post, dopo che gli è stata presentata una proposta per ripristinare le protezioni per gli immigrati da El Salvador, Haiti e alcune nazioni africane come parte di un accordo di immigrazione bipartisan, il presidente Trump ha di recente affermato: "Perché stiamo facendo venire tutte queste persone da questi cesso di paesi (shithole countries)?"
Be’, c’è solo un modo per replicare a chi non ha alcun senso della Storia passata e dei tanti, piccoli racconti viventi che nascono e sopravvivono intorno a noi…


Cesso di paesi…
Che dire, grazie, presidente USA.
Grazie infinite a nome delle suddette nazioni, per il sicuramente involontario complimento.
Come lei ben sa, i primi cessi furono inventati circa tremila anni prima di Cristo. Sembra che i più avanzati risalgono con precisione al 2800 a.C. nell’antica città di Mohenjo-daro, in Pakistan, peraltro paese da lei particolarmente amato.

Altri cessi antesignani sono stati ritrovati a Skara Brae, nelle Orcadi, in Scozia, e risalgono a un periodo che va dal 3100 al 2500, sempre prima di Cristo.
Come dire, per quanto diversi, Pakistan e Scozia, ovvero, se preferisce oriente e occidente, iniziarono a detergersi il didietro con una metodologia ufficiale nello stesso tempo e nel medesimo modo.
In seguito, come è prassi qualora le umane genti trovino la soluzione a un comune problema, condividemmo cessi come oggi facciamo sui vari social con le stronzate – mi lasci passare il termine quanto mai opportuno, e altrettanti ne furono installati nella Creta minoica, nell'Egitto faraonico e nell'antica Persia.
E’ del 2012 un interessante aneddoto.
In quell’anno gli archeologi hanno scoperto quello che si ritiene essere il primo cesso del sud-est asiatico, in un villaggio neolitico di Rạch Núi, nel sud del Vietnam. Il nostro risale al 1500 prima di Cristo e ci ha fornito attendibili indizi sulla dieta dell’epoca, nella fattispecie pesce e carne, oltre alla natura dei parassiti che mettevano a dura prova la digestione.
In altre parole, dimmi in quale cesso vai e ti dirò ciò che mangi e cosa ti provochi brucior di stomaco.
Nell’epoca dello spionaggio totale del cittadino medio, ormai ridotto a una sorta di colabrodo di dati sensibili  - di cui lei e i suoi predecessori ne fate copioso uso - questa è roba che vale, cribbio, sia per l’industria alimentare che quella dei lassativi.
Al suo posto, un social network fecale io lo proporrei ai suoi investitori, poi faccia lei.
Tornando alla cronistoria, da notare la variante cesso con porcile, o il contrario, introdotto in Cina dalla Dinastia Han, che permetteva di assolvere al nutrimento dei maiali col suddetto, prezioso prodotto interno lordo, più che mai tale.
Poi ci sembra strano che quando ci vedono grugniscono in maniera aggressiva.
All’era post-classica, dal 200-600 al 1200-1500 dopo Cristo, risalgono invece i cessi detti “guardaroba”, ovvero dei piani di legno o pietra all’esterno della casa, e ovviamente lontano dalle camere e vicino a cucine e caminetti.
Perché farla al freddo non è fatto gradevole da tempo immemore.
Saltiamo quindi all’era moderna, agli arcinoti cessi in rame e porcellana, più o meno decorati a seconda dei gusti.
Gusti che portavano per esempio a farla all’aperto, per concimare il terreno, vedi la Danimarca.
Nel sedicesimo secolo si diffondono invece i cessi interrati, sempre all’esterno delle abitazioni e ancora per soddisfare l’esigenza di aiutare l’agricoltura.
Nondimeno, veniamo ora ai primi esemplari di cessi moderni, tazza con relativo sciacquone.
Essi si devono alla genialità dello scozzese Alexander Cumming nel 1775 per il design e tre anni più tardi per la realizzazione all’inglese Joseph Bramah, quest’ultimo considerato uno dei padri dell’ingegneria idraulica.
Come è naturale, la portentosa invenzione divenne oggetto di uso popolare più avanti, precisamente intorno al 1850.
Insomma, grazie, presidente, perché avrebbe potuto dire, che so, sedia di paesi o anche forchetta di paesi, ma non sarebbe stato lo stesso.
Con il suo, per quanto controverso accostamento, ha finalmente capito che qualora ci si riferisca a intere nazioni, significa tirare in ballo popoli, ovvero persone a milioni, culture millenarie e tradizioni antiche come l’uomo stesso.
Trattasi di requisito fondamentale in chi ha la responsabilità di rendere migliore.
Questo cesso di mondo...
 

Sullo stesso argomento:

Compra il mio ultimo libro, Carla senza di Noi
Leggi anche il racconto: Il regalo di Natale dell'imbianchino
Leggi altre storie per riflettere
Ascoltami cantare con la band
Guarda un estratto dello spettacolo Carla senza di Noi
  

Visita le pagine dedicate ai libri:
 

Commenti